AttualitàClima

Cop26, la Regina Elisabetta non sarà a Glasgow, manderà un videomessaggio

Condividi

Il riposo forzato per ordine dei medici costringe la regina Elisabetta a rinunciare “con rammarico” a presenziare l’attesa conferenza delle Nazioni Unite sul clima, la Cop26, che inizierà a Glasgow, sotto la presidenza del Regno Unito, dal 31 ottobre. Ma “vuole che la conferenza sia un successo”.

Nei giorni scorsi, la sovrana inglese, 95 anni, è stata poco bene e si è recata in ospedale a Londra per essere sottoposta a imprecisati accertamenti diagnostici “preliminari”.

La decisione di non partecipare, spiega una fonte di Palazzo, è stata presa solo in via precauzionale perché la regina sta bene e ha appena tenuto un’udienza virtuale dal castello di Windsor con l’ambasciatore coreano, la prima da quando i medici le hanno ordinato il riposo la settimana scorsa.

Venezia, l’appello del Nobel per la Letteratura Orhan Pamuk a Draghi: “Solo lei può salvarla”

“Sua Maestà è delusa di non partecipare al ricevimento, ma consegnerà un discorso ai delegati riuniti tramite un videomessaggio registrato”.

Il clima è un tema che alla regina sta molto a cuore e chissà se il suo video messaggio, avrà lo stesso tono irritato utilizzato qualche giorno fa quando, in un fuori onda ripreso durante l’inaugurazione del parlamento gallese, attaccò lo scarso decisionismo dei leader proprio in materia ambientale: “Parlano, parlano ma non fanno niente”.

Cop26: Xi Jinping in videoconferenza, Kerry negozia con la Cina. Edo Ronchi: “Non subire il loro ricatto”

In ogni caso, la sovrana sta bene, “è di ottimo umore” e si attiene “a compiti leggeri” dal suo ufficio di Windsor e ci tiene a far sapere che desidera la conferenza sul clima sia un successo.

Ci si aspetta, a questo punto, la partecipazione al Cop26 del principe ereditario Carlo, da sempre molto sensibile alla tematica ambientale e del figlio William.

(Visited 19 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago