AttualitàClimaPolitica

Venezia, l’appello del Nobel per la Letteratura Orhan Pamuk a Draghi: “Solo lei può salvarla”

Condividi

Un appello a Mario Draghi per salvare il futuro di Venezia. Lo scrittore turco Orhan Pamuk, premio Nobel per la Letteratura 2006, ha scritto una lettera al presidente del Consiglio.

Un appello accorato a Mario Draghi per salvare il futuro di Venezia. Orhan Pamuk, scrittore turco e vincitore del premio Nobel per la Letteratura nel 2006, ha scritto una lettera al presidente del Consiglio. A pochi giorni dalla Cop26, lo scrittore si è rivolto così a Draghi: “Signor presidente del Consiglio, la salvezza di Venezia è nelle sue mani! Dalla lotta ai cambiamenti climatici dipenderà la stessa esistenza della città“.

Cop26: Xi Jinping in videoconferenza, Kerry negozia con la Cina. Edo Ronchi: “Non subire il loro ricatto”

L’appello è stato rilanciato anche dall’Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti. La lettera a Draghi di Orhan Pamuk è stata anche ampiamente diffusa dai media in Turchia. “Oltre a Venezia, ci sono altre città invisibili del mondo, nelle sue mani” – ha scritto Pamuk, con un evidente riferimento al romanzo di Italo Calvino, ‘Le città invisibili’ – “Occorre adottare subito misure necessarie per non aggravare le conseguenze della crisi del clima“.

(Visited 39 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago