Attualità

Cop25, la Spagna si offre per ospitare il vertice dell’ONU sul clima

Condividi

Il vertice dell’Onu sul clima, COP25, che doveva tenersi in Cile, si terrà probabilmente a Madrid. La notizia è stata data nel pomeriggio dal presidente del Cile, Piñera.

Il presidente del Cile Sebastián Piera ha dichiarato di aver parlato con il presidente spagnolo Pedro Sánchez e che quest’ultimo ha offerto Madrid come sede per la realizzazione del vertice Onu sul clima Cop25.

Proprio ieri il presidente cileno aveva annunciato la cancellazione dell’evento per il difficile momento che sta vivendo il paese, con rivolte popolari nelle città del paese.

Cambiamenti climatici, lanciata la petizione per dire basta alle fake news

E’ una decisione molto difficile che ci ha causato parecchio dolore“, ha detto il capo dello Stato annunciando la notizia, ammettendo che “un presidente deve sempre mettere i propri connazionali davanti a qualsiasi altra valutazione“.

COP25, il Governo Cileno annulla la Conferenza Onu sui cambiamenti climatici VIDEO

Ogni anno per 25 anni, le nazioni del mondo si sono riunite nella “Conferenza delle Parti” convocata dalle Nazioni Unite per discutere le soluzioni alla crisi climatica. Si è raggiunto un apice in questo processo alla COP21, che si è tenuta a Parigi e che ha visto la creazione dell’accordo di Parigi sul clima per limitare le emissioni di gas serra.

Climathon, all’Italia il primato mondiale della partecipazione

Quest’anno la Cop25 si sarebbe dovuta tenere a Santiago dal 2 al 13 dicembre, dopo il rifiuto del presidente Bolsonaro ad ospitarla in Brasile. Ora la Spagna si è offerta come paese organizzatore, e probabilmente nelle prossime ore la sede verrà confermata. L’anno prossimo la Conferenza sui cambiamenti climatici sarà invece condivisa tra l’Inghilterra e l’Italia, con eventi e conferenze in entrambe le nazioni.

(Visited 61 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago