Roma, presentati i 68 Comuni Plastic Free 2023. La premiazione si terrà a Bologna

Presentati a Roma al Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica i comuni che si sono guadagnati il titolo di Comune Plastic Free 2023.

In un periodo di grande attenzione verso l’ambiente, il riconoscimento a Comune Plastic Free è un’idea nata dalla Onlus Plastic Free, associazione di volontariato impegnata dal 2019 per contrastare l’inquinamento da plastica, con l’obiettivo di avvicinare le istituzioni ambientali alle tematiche ambientali.

Presso il Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica a Roma sono stati presentati i 68 Comuni Plastic Free 2023 che verranno premiati l’11 marzo a Bologna, all’interno del Palazzo Re Enzo. Sarà presente anche Cardinale Matteo Zuppi, Presidente CEI Conferenza Episcopale Italiana, all’apertura dell’evento dopo i saluti del Sindaco di Bologna.

“Le leggi che abbiamo attualmente, soprattutto approvate dalla comunità europea applicate in Italia sono state un grande passo avanti. – ha dichiarato  a TeleAmbiente Luca De Gaetano, Presidente Plastic Free Onlus – Ad esempio, la legge Salvamare ha dato un importante segnale all’ambiente e soprattutto per contrastare l’inquinamento da plastica. Quello che servirebbe ancora di più oggi è aiutare le piccole e medie imprese a procedere in questa transizione ecologica permettendo loro con investimenti di abbandonare sempre di più la plastica dove è abusata”.

In merito all’iniziativa l’On. Vannia Gava, Viceministro all’Ambiente e Sicurezza energetica, ha dichiarato ai nostri microfoni: “Un messaggio positivo, fa parte di quella cultura ambientale di cui parlo da anni. Avere associazioni che organizzano questi eventi e che accompagnano le amministrazioni nel percorso virtuoso è fondamentale”.  E aggiunge: “Dobbiamo far capire ai cittadini che i rifiuti vanno gestiti e che la plastica non va abbandonata”.

In merito alla legge salvamare l’onorevole Gava afferma: “Stiamo ultimando quelli che sono in decreti attuativi proprio in virtù della legge salvamare per la quale abbiamo lavorato nella legislatura precedente. A breve penso che saranno pronti per la firma anche quei decreti per andare avanti in quella direzione”.

Ecco i comuni premiati con il titolo di Comuni Plastic Free 2023 e i criteri di valutazione

I criteri di valutazione si basano su 5 pilastri fondamentali:

● lotta contro gli abbandoni illeciti;
● sensibilizzazione del territorio;
● collaborazione con l’associazione Plastic Free;
● gestione dei rifiuti urbani;
● attività virtuose dell’ente.

Acquaviva Delle Fonti (BA), Agropoli (SA), Arcugnano (VI), Bacoli (NA), Benevento, Bergeggi (SV), Bologna, Borgo Virgilio (MN), Caivano (NA), Caorle (VE), Cassina de’ Pecchi (MI), Castellarano (RE), Castelsardo (SS), Castiglione Del Lago (PG), Chieti, Cittadella (PD), Corciano (PG), Cuneo, Diamante (CS), Elmas (CA), Eraclea (VE), Falciano Del Massico (CE), Favara (AG), Fermo, Ferrara, Fierozzo (TN), Firenze, Frassilongo (TN), Genova, Guardia Sanframondi (BN), Gussago (BS), Isernia, Jesolo (VE), Legnago (VR), Maddaloni (CE), Maenza (LT), Marcon (VE), Matera, Merano (BZ), Mira (VE), Mogliano Veneto (TV), Montenero Di Bisaccia (CB), Montepaone (CZ), Monterosi (VT), Mottola (TA), Palu’ del Fersina (TN), Pavia, Pergine Valsugana (TN), Pesaro, Piossasco (TO), Pontecchio Polesine (RO), Prato, Roccalumera (ME), San Casciano Val Di Pesa (FI), Sanremo (IM), Sant’Orsola Terme (TN), Sasso Marconi (BO), Saviano (NA), Silvi (TE), Sperlonga (LT), Taglio Di Po (RO), Termoli (CB), Terre Del Reno (FE), Tortora (CS), Tropea (VV), Udine, Vallelaghi (TN) e Vicenza, sono ufficialmente Comuni Plastic Free 2023.

Criteri di valutazione

Articolo precedenteViolenza ostetrica, Bubba: “Scardinare stereotipi che imprigionano donne”
Articolo successivoPerù, i popoli indigeni si uniscono alle proteste