Attualità

CACCIA, LIPU: “COLPITE SPECIE A RISCHIO, COMPETENZA PASSI A MINISTERO AMBIENTE”

Condividi

Caccia. “Almeno sette specie di uccelli in cattivo stato di conservazione, e in alcuni casi a rischio globale, sono state oggetto di una lunga stagione di abbattimenti, con pochissime accortezze assunte dalle regioni. Un fatto che tradisce la deriva filovenatoria, non piu’
accettabile, di chi amministra la materia in Italia”.

Lo dichiara la Lipu-BirdLife Italia nel giorno di chiusura della stagione venatoria 2018/19, che e’ partita con le preaperture di settembre e avra’ una coda di 10 giorni in alcune regioni.

“I calendari venatori non hanno fatto sconti a specie come la coturnice, la tortora selvatica, la pavoncella, il tordo sassello e il moriglione, che la lista rossa dell’Iucn classifica come minacciate globalmente. Nemmeno l’allodola e la pernice bianca hanno avuto sorte migliore: due specie che soffrono di una profonda crisi dei rispettivi habitat (agricoli e di montagna), ma sulle quali insiste tuttora una pressione venatoria insostenibile”.

“Nessuna o pochissime accortezze sono state assunte dagli assessorati regionali alla caccia e all’agricoltura, ai quali e’ oggi assegnata la competenza. Quest’ultimo e’ uno dei piu’ seri problemi: la tutela della specie e’ affidata agli uffici “venatori” e cosi’ messa in subordine rispetto all’interesse dei cacciatori. E’ tempo che l’architettura gestionale della materia venatoria sia ricondotta nell’ambito costituzionalmente e tecnicamente opportuno. A livello regionale la competenza deve passare agli Assessorati all’Ambiente, ma il ragionamento va esteso anche a livello nazionale”.

(Visited 56 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago