AnimaliAttualità

Lo spettacolo della natura, un bambino piange e mamma cervo corre in suo aiuto

Condividi

Una scena che ha dell’incredibile. A dimostrazione che l’amore di una mamma è davvero incondizionato. Hanna Burton, una donna americana, stava facendo un video al suo bambino, Charlie, mentre era disteso a pancia in giù sul porticato della sua casa vacanze nel bosco, in Ohio, quando inizia a piangere.

Proprio come se fosse stata allertata dal pianto del neonato, un cervo esce allo scoperto e corre in soccorso del piccolo.

Sostanze preoccupanti negli imballaggi in plastica, un altro motivo per non sceglierli

Diventato virale su Tik Tok, il video mostra la scena e si sente la donna gridare “No, no,no” mentre tocca il bambino e parla al cervo “questo è il mio bambino – dice – questo è il mio bambino”.

Poi si rivolge al piccolo: “pensa che tu sia suo figlio”.

Gran Sasso, stupore e meraviglia per i cuccioli di lupo che attraversano la strada

Innumerevoli i commenti al video: “I cervi sono protettivi, probabilmente pensava che fosse un cucciolo in difficoltà. Sono animali di buon cuore” o “era pronta a dare un nome a quel bambino, Tarzan, e ad allevarlo come se fosse suo”.

Successivamente Hanna Burton ha pubblicato un nuovo video in cui ritrae la mamma cervo che è tornata nel suo giardino con i suoi piccoli avvisando che sta bene per poi passare ad inquadrare il piccolo Charlie nel passeggino con una maglietta regalata dalla nonna con scritto “quando piango arrivano loro” e l’immagine di un cervo.

(Visited 82 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago