Eventi

“Più lento, più profondo, più lieve. Il ‘buen vivir’ secondo Alex Langer”. Evento in programma a Firenze il 17 luglio

Condividi

A Firenze, 17 luglio, presso il Teatro della Compagnia, Via Cavour 50/r. L’evento, promosso dall’associazione Greenaccord Onlus e dalla Regione Toscana, si propone di celebrare la figura carismatica e profetica di Alex Langer.

VIDEO PRESENTAZIONE EVENTO

A 25 anni della sua scomparsa, la proposta di Alex Langer di una radicale “conversione ecologica” fondata sul rovesciamento del motto olimpionico «Citius, Altius, Fortius» (più veloce, più in alto, più forte) – da trasformare in «Lentius, Profundius, Soavius» (più lento, più profondo, più lieve) – è ancora attuale e di ispirazione per le giovani generazioni.

Le migliaia di giovani che da mesi animano e colorano le piazza italiane lo hanno capito e lo dicono chiaramente: per salvare il pianeta occorre, prima di tutto, che ciascuno cambi i propri stili di vita. Alex Langer, forse il più grande ambientalista italiano del Novecento, nel corso della sua breve, ma indimenticata, esperienza umanalo ha testimoniato tenacemente e instancabilmente. Bisogna vivere in armonia con, e non contro, la natura. Ed occorre, perciò, rovesciare, culturalmente e politicamente, gli attuali modelli di sviluppo che non mettono al centro la dignità della persona, ma il profitto e l’idea che possa consolidarsi una società nella quale si possa fare a meno di valori come la lentezza, la gentilezza e la mitezza.

Ambiente, a Roma dal 19 al 21 novembre il primo Festival del Giornalismo Ambientale

La sua proposta di una radicale “conversione ecologica” fondata sul rovesciamento del motto olimpionico «Citius, Altius, Fortius» (più veloce, più in alto, più forte) – da trasformare in «Lentius, Profundius, Soavius» (più lento, più profondo, più lieve) – è oggi ancora attualissima, trovando piena riconoscibilità nella lettera Enciclica “Laudato Si’” di Papa Francesco.

La Giornata di Studio, che sarà ospitata nel Teatro della Compagnia a Firenze, aperta dai saluti istituzionali del presidente della Regione Enrico Rossi e dal presidente di Greenaccord Alfonso Cauteruccio, prevederà due distinte sessioni di lavoro: una al mattino e una al pomeriggio.

EVENTO FACEBOOK

Nella prima – ribattezzata “Lentius” e coordinata dal giornalista Mauro Banchini – interverranno, dopo la proiezione del documentario dedicato all’ecologista altoatesino da Gerd Staffler, Pinuccia Montanari del Centro di Diritto Ambientale dell’EcoistitutoReGe; Uwe Staffler, già segretario di Alex Langer al Parlamento Europeo; Massimo Bernacchini, membro del Comitato Esecutivo di Slow Food; e lo scrittore Adriano Sofri, già curatore con Edi Rabini di una “antologia langeriana” pubblicata da Sellerio nel 2015.

Nella seconda – ribattezzata “Profundius ac soavius” e coordinata dalla giornalista Silvia Guidi – interverranno Fabio Di Pietro, appartenente al Gruppo di lavoro “Codice Forestale Camaldolese”; Francesco Dellagiacoma PEFC Italia; Maurizio Gronchi, docente di Cristologia alla Pontificia Università Urbaniana; Maurizio Vanni, direttore generale del Lucca Center of Contemporary Art; Andrea Masullo, direttore scientifico di Greenaccord.

Le sessioni di lavori sono state riconosciute valide dall’Ordine dei Giornalisti per la formazione professionale. Per i giornalisti che vi prenderanno parte, previa iscrizione sulla piattaforma S.I.Ge.F (www.sigef-odg.lansystems.it), verranno riconosciuti 8 crediti.

Partner: Regione Toscana, Alia Servizi Ambientali SpA, Lifegate, Geosmartcampus, Comunicazione 2000.

Patrocini: Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare (Mattm), Regione Toscana, Provincia autonoma di Bolzano, Federazione Nazionale Stampa Italiana (FNSI), Ordine dei Giornalisti della Toscana, Associazione Stampa Toscana, Associazione Regionale dei Giornalisti esperti in Agricoltura (Arga Toscana) e Bioarchitettura.

Media partner: Avvenire, La Nazione, Lifegate, Agensir, Famiglia Cristiana, Teleambiente, Toscana Oggi, La Nuova Ecologia, Greenreport e Qui News.

(Visited 28 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago