Inquinamento

Disastro Artico, i dirigenti della centrale accusati di negligenza verranno sostituiti

Condividi

Il gigante dell’alluminio Rusal, che controlla la compagnia mineraria Nornickel, ha richiesto cambiamenti nella direzione e nella gestione dell’impianto, dopo l’ennesimo disastro ecologico avvenuto nella zona.

ll gigante russo dell’alluminio Rusal ha dichiarato martedì di aver richiesto al consiglio di amministrazione di Norilsk Nickel di apportare modifiche alla gestione, di spostare la sede centrale a Norilsk nell’Artico russo e di rivedere le sue politiche ambientali e di sicurezza.

Rusal ha affermato di essere seriamente preoccupato per una serie di disastri ecologici avvenuti a Norilsk e di aver sollevato dubbi sulla competenza della direzione di Nornickel.

Tutto questo mentre sta aumentando la rabbia e la pressione mediatica sulla compagnia mineraria Norilsk Nickel, colpevole di aver causato il disastro ambientale a fine maggio, con una fuoriuscita di tonnellate di gasolio fino al Mar Glaciale Artico, ed aver tentato di minimizzare il reale danno.

Nornickel (GMKN.MM), come è meglio nota, nega le accuse di insabbiamento pronunciate da attivisti verdi, da un governatore regionale e da un ex funzionario delle guardie ambientali della Russe, che hanno pubblicamente accusato la compagnia e, in alcuni casi, pubblicato test, fotografie e testimonianze a sostegno delle loro accuse.

La verità sul disastro ambientale a Norilsk in Siberia. Intervista a Nicolai Lilin

Le loro prove, ancora non verificate, mostrano come il diesel si è diffuso in un lago e, secondo i testimoni, in un fiume che arriva nell’Oceano Artico.

Nornickel, citando test ufficiali e immagini satellitari, nega che l’inquinamento si sia diffuso in entrambi i corpi idrici.

I rappresentanti affermano che la compagnia ha contenuto la perdita, fuoriuscita da una centrale elettrica vicino alla città industriale di Norilsk il 29 maggio, e che ha recuperato il 90% del gasolio usando barre di contenimento e pompe.

Nega anche di nascondere l’entità del danno, affermando che il vasto numero di aziende, autorità di regolamentazione e altri funzionari coinvolti nell’operazione di bonifica garantiscono la piena trasparenza.

Russia, le immagini della perdita di gasolio in Siberia vista dallo spazio

“Non possiamo immaginare come sarebbe possibile nascondere qualcosa in tali condizioni”, ha detto un portavoce della compagnia. “Un’indagine sull’incidente è stata condotta da agenzie di regolamentazione e monitoraggio”.

Le azioni di Nornickel sono scese del 5% in un giorno a Mosca lunedì dopo che il Ministero dell’Ambiente russo ha richiesto danni per oltre 2 miliardi di dollari.

Il presidente Vladimir Putin a giugno ha rimproverato Vladimir Potanin, il capo miliardario di Norilsk, per non aver sostituito la fonte della fuoriuscita, un serbatoio di carburante, in modo tempestivo e ha affermato che un danno significativo era stato causato al fragile ambiente artico.

Potanin ha detto a Putin che non avrebbe badato a spese per ripristinare l’ambiente e si è impegnato a finanziare programmi che avrebbero aumentato la popolazione di cervi e ripristinato i pesci nei corsi d’acqua colpiti. Nornickel ha dichiarato pubblicamente che è anche impegnata in un’indagine federale sull’incidente, si assume la piena responsabilità di ciò che è accaduto e che farà di tutto per evitare che succeda ancora.

La fuoriuscita è stata causata dalla rottura di un serbatoio di riserva nella centrale elettrica, di proprietà di NTEK, una sussidiaria di Nornickel. Circa 21.000 tonnellate di gasolio sono fuoriuscite nei fiumi e nel sottosuolo vicino a Norilsk. Nornickel, uno dei maggiori produttori mondiali di nichel e palladio, incolpò il permafrost causato dai cambiamenti climatici dell’erosione delle basi del serbatoio.

Russia, arrestate tre persone nell’indagine sul disastro ecologico in Siberia

Gli investigatori federali hanno invece incolpato il cattivo stato del serbatoio del carburante e hanno arrestato tre dei dirigenti della centrale elettrica e accusato il sindaco di Norilsk di negligenza criminale.

I gruppi ambientalisti e alcuni funzionari russi sono preoccupati per ciò che considerano una mancanza di informazioni su quanto l’inquinamento si sia diffuso verso l’Oceano Artico.

“È ovvio che è in corso un insabbiamento“, ha detto Vasily Ryabinin, che ha lasciato l’incarico come funzionario presso il Regolatore Ambientale statale Rosprirodnadzor di Norilsk.

La maggior parte del carburante è entrato nel lago prima dell’installazione delle barre di contenimento“, ha detto.

Ryabinin ha citato come prove le fotografie scattate il 4 giugno che sembrano mostrare le sponde dei fiumi oltre le barre verso il lago ricoperte di diesel e spiega che gli è stato impedito di effettuare un’ispezione adeguata del sito il giorno dell’incidente dalle guardie di sicurezza della centrale elettrica e polizia.

Russia, effetti sversamento gasolio nel fiume: “Siamo in grado di affrontarlo da soli”

Ryabinin ha detto che lui e il suo capo a Rosprirodnadzor sono stati respinti anche se il suo capo stava trasportando i documenti di identità richiesti. In seguito Rosprirodnadzor lo ha rimosso dal caso e poi Ryabinin ha rassegnato le dimissioni, ritenendo che il suo datore di lavoro fosse complice di danni ambientali.

Rosprirodnadzor non ha risposto quando gli è stato chiesto delle circostanze della sua rimozione e delle sue affermazioni. Il suo ex capo, Andrei Konoplyov, ha rifiutato di commentare.

 

 

(Visited 67 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago