Attualità

VOLKSWAGEN PUNTA ALLA MOBILITA’ ELETTRICA ENTRO IL 2030

Condividi

di Filippo Vendrame per Webnews.it

Il gruppo Volkswagen punta alla mobilità elettrica e si pone l’obiettivo di elettrificare la sua intera gamma entro il 2030. L’investimento sarà enorme e sarà pari a circa 84 miliardi di dollari. Trattasi di un progetto molto ambizioso, anche perché il gruppo Volkswagen è composto da molti brand importanti come Audi, Bentley, Lamborghini, Porsche e Volkswagen. Oltre 300 modelli, dalla Tiguan siano alla 911, saranno tutti dotati di un motore elettrico.

L’investimento non riguarda, però, solo l’elettrificazione dei modelli del gruppo automobilistico ma anche il piano di costruire 4 fabbriche che svilupperanno e produrranno le batterie che saranno utilizzate nelle auto. Solo la realizzazione delle fabbriche richiederà un investimento di 60 miliardi di dollari. Un progetto che si ispira, chiaramente, alle Gigafactory di Tesla.
Entro il 2025, comunque, saranno messe sul mercato 80 auto elettriche del gruppo Volkswagen tra cui la versione definitiva del concept I.D. Buzz ed alcuni modelli con il brand Audi. La società automobilistica afferma che il motore a combustione non è morto ma che fungerà da ponte verso una mobilità completamente elettrica.
Il gruppo Volkswagen, comunque, continuerà a lavorare anche su altre tecnologie come quelle legate all’idrogeno. Da evidenziare che rispetto ad altre case automobilistiche, i piani di paesaggio alla mobilità elettrica del gruppo Volkswagen possono sembrare più lenti ma, in realtà, visti i numeri in gioco della società, il passaggio a questa tecnologia avrà, sicuramente, un impatto molto importante sul mercato automobilistico.
(Visited 103 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago