Home Good News Ventotene prima comunità energetica del Lazio, Cristiana Avenali a TeleAmbiente: “La prima...

Ventotene prima comunità energetica del Lazio, Cristiana Avenali a TeleAmbiente: “La prima di tante nella nostra Regione”

Ventotene diventa la prima comunità energetica del Lazio: tutta l’energia sarà prodotta e consumata direttamente nell’isola dell’arcipelago ponziano. Cristiana Avenali (responsabile dell’ufficio di scopo per i piccoli Comuni e dei contratti di fiume della Regione Lazio) a TeleAmbiente spiega: “Il progetto già esteso a tanti piccoli Comuni”.

Dottoressa Avenali, perché si tratta di una notizia importante per tutto il territorio regionale?

È una notizia bellissima per tutta Italia, si è parlato molto di comunità energetiche negli ultimi tempi ma finalmente partiamo con un progetto concreto. Ventotene è la prima isola del Lazio a diventare una comunità energetica, ma è anche la prima di tutto il Mediterraneo, oltre che un piccolo Comune. I piccoli Comuni sono dei veri laboratori di sostenibilità, luoghi dove possiamo applicare nuove politiche di sostenibilità (economica, ambientale e società). Quello di Ventotene è un esempio concreto che possiamo applicare a tutti gli altri 253 piccoli Comuni del Lazio. Le comunità energetiche si basano sulle rinnovabili e consentono di avere un risparmio economico, fondamentale specialmente in quei luoghi, come i piccoli Comuni, dove c’è necessità di servizi e di opportunità lavorative. Grazie ad un bando, abbiamo messo a disposizione del progetto le idee di giovani studenti universitari e la Regione Lazio sta sostenendo i progetti con fondi: abbiamo a disposizione due milioni di euro, che vanno ad aggiungersi alle risorse nazionali“.

Esiste un cronoprogramma per la comunità energetica di Ventotene?

A Ventotene siamo già partiti, con la firma dell’atto costitutivo. La comunità energetica coinvolge il Comune di Ventotene, le attività commerciali e i cittadini: ora va implementata la produzione di rinnovabili e molte attività vogliono già installare impianti fotovoltaici. Poi ci sarà un altro passo importante: accumulare l’energia prodotta nel caso in cui non potrà essere subito consumata. Il sindaco di Ventotene ha un sogno che speriamo possa diventare realtà: accumulare energia rinnovabile per alimentare traghetti e aliscafi che collegano l’isola con il resto della Regione. Il sistema va sperimentato e potenziato, ma siamo sulla strada giusta e la Regione continuerà a sostenerlo“.

Ci sono altri piccoli Comuni interessati a diventare comunità energetiche nel Lazio?

L’esempio di Ventotene ha indotto già alcune amministrazioni comunali a chiedere informazioni per aderire al progetto, in tutte le province del Lazio. Antrodoco e Vicovaro ci hanno già chiesto informazioni, l’esordio a Ventotene ha fatto da traino per una richiesta e una partecipazione attiva e positiva dei piccoli Comuni della Regione“.

Articolo precedenteL’attivista Gianfranco Mascia inizia lo sciopero della fame contro i sussidi fossili
Articolo successivoLazio, il primo cittadino di Ascrea Riccardo Nini è il sindaco più giovane del Lazio: “Combatterò lo spopolamento del borgo con il turismo verde”