AttualitàPolitica

Lazio, il primo cittadino di Ascrea Riccardo Nini è il sindaco più giovane del Lazio: “Combatterò lo spopolamento del borgo con il turismo verde”

Condividi

Riccardo Nini, 24 anni, guiderà il piccolo comune di Ascrea, 250 abitanti, nella Valle del Turano. A TeleAmbiente spiega: “Grazie agli splenditi paesaggi del nostro borgo attireremo i turisti romani e della Regione”.

Si chiama Riccardo Nini, ha 24 anni e di professione fa il sindaco. Anzi, il sindaco più giovane del Lazio.

Appena eletto ad Ascrea, 250 abitanti in provincia di Rieti, Nini è sicuro di riuscire ad essere un ottimo sindaco nonostante la sua età. Anzi, la giovane età secondo lui sarà un valore aggiunto.

“Di sicuro sento la responsabilità del mio nuovo ruolo nei confronti dei miei concittadini – ha detto a TeleAmbiente il sindaco Nini – ma non credo che l’età sarà un problema. Intanto perché abbiamo tante forze e tanta passione. E poi io e gli altri amministratori under-40 eletti con me, politicamente non siano nati ieri”.

Nonostante la sua giovane età, infatti, il neo sindaco di Ascrea ha un curriculum politico di tutto rispetto. Diplomato al liceo Giulio Cesare di Roma e laureando in Giurisprudenza, Nini è stato consigliere comunale a Moricone, dove è cresciuto, e poi per cinque anni presidente della Pro Loco di Ascrea dove ora è sindaco.

Emergenza rifiuti, Gualtieri prepara una “pulizia straordinaria” della città

“Di fatto – ci dice scherzando – ho solo cambiato ufficio. E considerando che il palazzo del comune e quello della Pro Loco sono uno di fronte all’altro non ho dovuto fare neanche troppa strada”.

“E poi – continua – c’è da dire che se con la nostra giovane età portiamo energia e innovazione, non ci siamo mica dimenticati dell’esperienza che è necessaria per non fare errori. Per capirci, il mio vicesindaco ha 74 anni ed è stato nell’amministrazione pubblica di Ascrea per circa 40 anni. L’esperienza sua e degli altri amministratori senior sarà importantissima”.

 

La lotta allo spopolamento attraverso il turismo Verde

“In una comunità così piccola come la nostra – ha spiegato a TeleAmbiente il neo sindaco – i cittadini per ogni problema si possono rivolgere direttamente al sindaco. Il compito mio e degli amministratori in generale è quello di risolvere questi problemi. Ma non vogliamo occuparci solo dell’ordinario. C’è un problema più grande da risolvere che è quello del rischio spopolamento del borgo. Combattere questo rischio nei prossimi anni sarà il fine di tutta la nostra attività amministrativa”.

La decisione di combattere lo spopolamento del piccolo borgo medievale Nini l’aveva chiarita sin dal primo giorno dopo l’elezione. “Appena eletto – spiega – ho affidato ai social un messaggio chiaro: faremo di tutto per invertire la tendenza. Non solo vogliamo che i giovani restino ad Ascrea, come me e i miei colleghi stiamo facendo, ma vogliamo provare a portare in paese i turisti”.

Il comune di Ascrea è uno dei luoghi più belli della Valle del Turano, un luogo incantato dove potersi immergere nel verde. Ed è proprio dall’attenzione all’ambiente e al turismo sostenibile che il sindaco vuole ripartire.

“L’Italia dopo la pandemia è cambiata. Siamo tutti più capaci di apprezzare i tempi lenti tipici dei borghi che possono attirare un nuovo turismo. Noi ad Ascrea abbiamo delle potenzialità immense in questo senso. Il nostro compito ora è sfruttare queste potenzialità al massimo”.

Climavore, il progetto che esplora i legami tra cibo e crisi climatica

Nini spiega che, in collaborazione con la Riserva Naturale Monti Navegna e Cervia, la sua amministrazione ha intenzione di spingere i romani a visitare il borgo e gli altri comuni del territorio.

“Nonostante ci troviamo a soltanto 80 km da Roma – spiega il neosindaco – i cittadini della Capitale nemmeno conoscono le bellezze dei nostri borghi e i panorami mozzafiato del nostro territorio. Abbiamo difficoltà ad attrarre i turisti dalla Capitale e quelli che ci sono preferiscono fare una visita mordi e fuggi senza fermarsi e quindi senza apprezzare a pieno ciò che Ascrea ha da offrire”.

Per trattenere i turisti bisognerà puntare sulla creazione di strutture ricettive e di attrattori specifici. In questo senso la giovane età del sindaco porterà nell’amministrazione pubblica quell’attenzione alle tematiche ambientali che troppo spesso in passato è stata tenuta in poco conto.

“Questa amministrazione – spiega a TeleAmbiente il sindaco – cercherà di creare un turismo che sia rispettoso al cento percento dell’ambiente. Sfruttando l’occasione enorme offerta dal Pnrr, abbiamo già dato l’adesione a progetti che riguardano la mobilità sostenibile con la creazione di appositi percorsi nella Valle per biciclette elettriche. Ma anche lo sviluppo della sentieristica locale per far scoprire i nostri bellissimi panorami e le altre bellezze”.

(Visited 37 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago