Attualità

TAP, SOSTANZE TOSSICHE NELLA FALDA SOTTO IL CANTIERE. SINDACO VIETA PRELIEVO ACQUA DAI POZZI

Condividi

TAP. Notevoli tracce di Cadmio, Nichel, Vanadio, Cromo ed Arsenico, tossiche per la salute umana e quella dell’ecosistema, sono state rinvenute nell’area sottostante il cantiere Tap nella località San Basilio a Meledugno.

È quanto è emerso nel corso delle attività di campionamento delle acque sotterranee relative alla falda superficiale attraverso una rete di piezometri localizzati intorno all’area di cantiere del microtunnel a  San Basilio, previste dal Progetto di Monitoraggio Ambientale approvato dal Ministero dell’Ambiente.

I valori degli elementi presenti, hanno superato di cinque volte la soglia di tollerabilità e per questo il sindaco di Meledugno, Marco Potì, ha emanato un’ordinanza urgente di sospensione dei lavori per la realizzazione del gasdotto per 30 giorni (fermo restando che i lavori sono sospesi come da programma fino al 30 settembre) e di divieto di utilizzo delle acque attinte dalle falde sotterranee.

Nel provvedimento emesso nel corso nelle ultime ore, si fa riferimento al fatto che la società del gasdotto non avrebbe impermeabilizzato l’area del cantiere, come invece previsto dalle prescrizioni contenute nella Valutazione di impatto ambientale: sarebbe questo il motivo per il quale sarebbero state disperse sostanze pericolose nella falda.

In una nota, TAP ha fatto sapere di aver subito trasmesso gli esiti a tutti gli Enti coinvolti e ha intrapreso una serie di controlli accurati, anche con la collaborazione delle imprese esecutrici dei lavori condotti nell’area.

Le prime verifiche effettuate – spiega ancora la nota – confermano che tutti i materiali utilizzati in cantiere sono conformi alle normative vigenti e che le procedure ambientali previste dal Decreto VIA e dalle sue prescrizioni sono state seguite scrupolosamente.

La sicurezza e la salvaguardia dell’ambiente – conclude la nota – costituiscono una priorità assoluta per TAP, che sta procedendo con ulteriori monitoraggi e analisi in coordinamento con gli organi di controllo preposti e tenendo prontamente informati tutti gli Enti coinvolti sui relativi risultati.

(Visited 55 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago