L’affondo contro il sindaco della Capitale e l’organizzazione dell’evento.

Ritrovati vivi, anche se un po’ denutriti, i gatti randagi di una colonia felina stanziata proprio all’interno del circuito della Formula E a Roma. I felini, di età avanzata, vengono accuditi da alcuni volontari, a cui da giovedì era stato impedito di accedere all’interno del circuito. Per giorni, i gatti sono rimasti senza cibo né acqua, e probabilmente spaventati dall’evento.

Mattia Santori e le oche uccise dai cani: oltre le facili ironie, posta una questione cruciale

Questa mattina, il lieto fine: i volontari di Operazione Svuota Canili hanno potuto fare ritorno all’interno del circuito e sono riusciti a ritrovare i gatti. “Sono vivi, ma malconci, assetati e affamati“, fanno sapere i volontari. E non mancano le polemiche a livello politico. “Interdire il passaggio ai volontari dell’associazione, che volevano portare acqua e cibo a una piccola colonia felina nei pressi del Palazzo della Civiltà Italiana, è un atto crudele che poteva portare alla morte di quei poveri animali. Questo denota la scarsa attenzione della Giunta verso la tutela del benessere animale” – spiega Daniele Diaco, consigliere capitolino M5S – “Non comprendiamo la minaccia che avrebbero potuto rappresentare dei volontari che, con amore e impegno, dedicano il proprio tempo al benessere degli animali. Questa amministrazione non ha alcun rispetto per gli animali: un’autentica vergogna che, si spera, non si ripeta. Gualtieri se ne ricordi il prossimo anno“.

Articolo precedenteSuperbonus, Assoclima: “Spostare scadenze a fine anno”. Alternativa: “La mini-proroga un insulto all’Italia”
Articolo successivoArtèEuropa, 12 giovani artisti raccontano l’Europa del futuro