Attualità

TORNA A SORRENTO IL PREMIO VERDE AMBIENTE 2017

Condividi

Arriva finalmente un ambito premio “Verde Ambiente 2017“, giunto alla sua settima edizione. La cerimonia si svolgerà domenica 8 ottobre  presso Villa Fiorentino, sede della Fondazione Sorrento. In questa edizione tra i premiati Piercamillo Davigo, magistrato sempre in prima linea, tra polemiche e querele (è di oggi quella annunciata sul Corriere della sera contro il Giornale sui presunti vertici tra lui e i 5 stelle), il procuratore nazionale Antimafia Franco Roberti ed il ricercatore calabrese dell’Unical Mario Coscarello per il progettoIl seme che cresce.

Le menzioni speciali andranno agli ambientalisti, Donato Troiano, Giorgio Diaferia, Stefano Zuppello, al procuratore aggiunto del Tribunale di Foggia Antonio Laronga e al Coordinatore Progetto Rifiuti Zero Antonino Esposito.
Particolarmente significativa la VII edizione del Premio internazionale di Ecologia sia per la scelta dei vincitori che per i contenuti delle motivazioni. La rivista Verde Ambiente e l’associazione Vas (Verdi Ambiente & Società) in tutti questi anni hanno saputo coniugare ambiente e società, profondamente correlate come non abbiamo potuto constatare nel martoriato quadro dell’ambientalismo e nella deriva della politica italiana“, dichiara Guido Pollice, presidente della storica associazione ambientalista.

Il Premio Internazionale “Verde Ambiente” è stato ideato nel 2010 con lo scopo di individuare personalità italiane ed internazionali impegnate a difesa dell’ambiente, dei diritti civili e sociali, valori di cui si è fatta portavoce negli anni la stessa associazione. Fin dal 1991, infatti, VAS onlus, è sempre stata in prima linea non solo per la tutela e la difesa dell’ambiente, ma anche per il rispetto dei principi di solidarietà e nonviolenza, scelte fondamentali  per gli esseri umani per poter vivere in pace tra loro e con la natura stessa.

Il team di TeleAmbiente seguirà l’evento direttamente da Sorrento come media partner.

 

(Visited 184 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago