La pasta Rummo era tra le poche confezioni di pasta che non andava gettato in nessuna delle categorie della differenziata. Ora finalmente potranno essere smaltite nella carta. A darne l’annuncio lo stesso pastificio sulla pagina Facebook.

Siamo felici di annunciarvi che la pasta Rummo da oggi lascia le nostre mani avvolta in confezioni riciclabili. Potrete smaltirle, come vi dirà il vostro istinto, assieme alla carta. Se vedete le vecchie confezioni nei vostri negozi, non vi preoccupate. Le nuove arriveranno presto”. Con un post pubblicato sulla pagina Facebook, il pastificio Rummo annuncia finalmente l’arrivo di una nuova confezione riciclabile in carta

La pasta Rummo era tra le poche confezioni di pasta che non andava gettato in nessuna delle categorie della differenziata. La stessa app per la differenziata Junker aveva inserito il pastificio in una lista nera a causa delle sue confezioni difficili da riciclare nel modo più corretto.

Diversi ormai i brand che hanno deciso di rendere il loro packaging più sostenibile. A partire dalla fine del mese di gennaio sugli scaffali dei supermercati e dei negozi di tutta Italia, pasta Agnesi ha sostituito gli attuali incarti con quelli 100% compostabili. La nuova confezione della pasta, smaltita nell’umido, dopo un processo di compostaggio industriale si trasforma in terriccio impiegabile come fertilizzante del suolo. Le confezioni sono sostituite in parte dall’innovativo incarto derivato dal Mater-Bi, materia prima per il nuovo packaging realizzata da una filiera di aziende made in Italy e in percentuale ancora maggiore da carta proveniente da forestazione sostenibile certificata dal Forest Stewardship Council (FSC).

Articolo precedenteDi Maio “Confronto con i sindaci sul dl Semplificazioni”
Articolo successivoInquinamento, un prodotto per rimuovere il petrolio dagli animali: il progetto Crude Spill Cleaning