Home Attualità Olimpiadi Milano-Cortina 2026, Alex Bellini: “Folle voler investire a fondo perduto 80...

Olimpiadi Milano-Cortina 2026, Alex Bellini: “Folle voler investire a fondo perduto 80 milioni di euro”

Olimpiadi Milano Cortina Alex Bellini sui social folle voler investire a fondo perduto 80 milioni di euro

Olimpiadi Milano-Cortina 2026, nascono le polemiche sui costi delle piste per gli sport invernali. L’atleta Alex Bellini lancia l’appello sui social a Zaia e Malagò.

Le associazioni Cipra Italia, Cai, Federazione nazionale pro natura, Italia nostra, Legambiente, Lipu e Mountain wilderness definiscono “coerente” la scelta del Coni di non investire 100 milioni di euro per coprire la pista di pattinaggio di Baselga di Piné in Trentino: “Una delle poche decisioni coerenti da parte degli organizzatori di Milano-Cortina 2026 rispetto a quanto dichiarato nel dossier di candidatura”.

Ma questo approccio, secondo le associazioni ambientaliste, dovrebbe essere adottato anche per gli altri impianti olimpici: “un analogo approccio dovrebbe essere assunto anche per altri impianti olimpici, in particolare la pista per bob di Cortina d’Ampezzo”. Le associazioni rilanciano la proposta di “trasferire le gare di queste discipline a Igls, presso Innsbruck”.

Milano-Cortina 2026, Alex Bellini sui social: “folle voler investire a fondo perduto 80 milioni di euro”

L’atleta e green influencer Alex Bellini, a proposito della sostenibilità economica ed ambientale delle Olimpiadi Milano-Cortina 2026, lancia sui social un appello al presidente della Regione Veneto Zaia e al presidente del Coni Malagò affinché scelgano un’alternativa più sostenibile:”Qualcuno può dire a Zaia e a Giovanni Malagò, presidente Coni, che non c’è nulla di cui vergognarsi nel chiedere in prestito una cosa ad un vicino di casa e che è folle, da spacconi, se non addirittura criminale, voler investire a fondo perduto una somma di 80 milioni di euro di soldi pubblici?”

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Alex Bellini (@alexbellini_alone)

Poi nel video spiega la situazione delle Olimpiadi, i rischi ambientali e le alternative che farebbero risparmiare molti soldi:” In questi ultimi giorni ci si interroga molto su quale sarà il luogo che ospiterà le gare di bob e slittino. Perché la pista di Cortina, inaugurata nel 1923, dismessa completamente nel 2008 per eccessivi costi di gestione è vecchia e richiede interventi importanti. Un progetto poco sostenibile che costerebbe 80 milioni. Ma se uno volesse potrebbe risparmiare questi soldi? Le alternative sono almeno due. La prima è sfruttare la pista di bob di Innsbruck, in Austria, la seconda è sfruttare la pista di Cesano Torinese, vicino Torino, che ospitò già le Olimpiadi invernali nel 2006. Entrambe le strutture sono state messe a disposizione di Cortina ma il sindaco di Cortina Lorenzi, Zaia e Malagò sono a favore della costruzione ex novo di una pista che alla fine sarebbe poco sfruttata.”

Bellini poi conclude: “Speravamo che fosse chiara a tutti la situazione di emergenza climatica ed ecologica, invece no. Ci ritroviamo a dover sentire ancora queste notizie che fanno perdere ogni speranza. Qualcuno provi a farli ragionare per una soluzione di coscienza.”

 

Articolo precedenteVino, Pastorelli del Consorzio Manduria contro le dichiarazioni di Viola e Lopalco
Articolo successivoMusica, Achille Lauro Unplugged all’Auditorium di Roma