Un viaggio in scooter elettrico lungo la Penisola per portare farfalle in tutte le regioni

82
0

Salvatore Magliozzi, divulgatore e esperto di turismo sostenibile, ha raccontato a TeleAmbiente di come ha deciso di fare un Giro d’Italia in scooter elettrico per liberare in ogni regione del Paese tre farfalle. 

Il progetto si chiama 20 Regioni in 20 giorni = Impatto 0 e consiste in un viaggio lungo tutta la Penisola portando con sé delle farfalle da lasciare in ogni tappa, tre per Regione.

È quanto sta facendo Salvatore Magliozzi che di mestiere si occupa di turismo e marketing. Si tratta della seconda edizione del progetto dopo quella del 2020 partita subito dopo il lockdown.

“Questo giro d’Italia in scooter elettrico – spiega Magliozzi a TeleAmbiente – è seguito da uno dei miei autori che sta tentando un record: fare 20 regioni in 20 giorni in bicicletta. Con noi abbiamo questi bruchi che proprio in questi 20 giorni formeranno la crisalide per poi essere liberati all’arrivo come farfalle, una metafora di ripresa dai tristi periodi che ci lasciamo alle spalle”.

A differenze dell’edizione del 2020, però, i bruchi che viaggiano con Magliozzi sono molti di più. “Oltre ad avere i nostri bruchi che verranno con noi lungo tutto il viaggio – spiega – a ogni tappa lasciamo al referente della tappa un kit completo che contiene tre bruchi e una pianta su cui potranno essere liberati una volta terminata la trasformazione in farfalle”. 

La pianta in questione è la Buddleja davidii conosciuta anche come “Albero delle Farfalle”, nome legato al fatto che la prolungata e profumata fioritura, per tutto il periodo estivo, facilita la continua visita delle farfalle.

L’altra novità d questa edizione, come spiegato da Magliozzi, è la presenza di Enrico Diluviani, classe ‘76 che affiancherà l’impresa dello scooter elettrico in bicicletta, con la sola forza delle sue gambe.

Un giro d’Italia green

“Mi piace il fatto che ci sia lo scooter elettrico per dimostrare che chiunque può farlo, chiunque può essere più sostenibile e viaggiare in maniera sostenibile”, spiega Magliozzi a TeleAmbiente.

“Magari in bicicletta è un po’ più difficile, soprattutto per chi ha problemi di mobilità o non è proprio un’atleta. Invece con lo scooter elettrico è diverso. Se lo faccio io, lo potete fare tutti”, conclude.

Le tappe del tour delle farfalle in giro per l’Italia

Magliozzi e Diluviani hanno cominciato il tour qualche giorno fa e sono già stati a Nizza di Sicilia, ad Amantea in Calabria, a Policoro in Basilicata, a Candela in Puglia e ad Ariano Irpino in Campania.

Da oggi, con la tappa molisana nel Parco Regionale dell’Olivo di Venafro, si prosegue:

  • Barrea, in Abruzzo
  • Norma e Rocca Massima nel Lazio
  • Narni, in Umbria
  • Cagli, nelle Marche
  • Riccione, in Emilia-Romagna
  • Adria, in Veneto
  • Codroipo, in Friuli-Venezia Giulia
  • Brescia, in Lombardia
  • Montjovet, in Valle D’Aosta
  • Casale Monferrato, in Piemonte
  • Sestri Levante, in Liguria
  • Vecchiano, in Toscana
  • Palau, in Sardegna

Le farfalle saranno poi liberate nella località di Porto Pollo il 30 maggio.

Articolo precedenteSalvamare, raccogliere i rifiuti in mare non è più un reato. Costa: “Grande conquista”
Articolo successivoGrandine nella Marsica, si calcolano i danni alle colture