Home Attualità Disastro ambientale Sri Lanka, centinaia di animali morti lungo le spiagge

Disastro ambientale Sri Lanka, centinaia di animali morti lungo le spiagge

Disastro ambientale in Sri Lanka. Cresce sempre più il numero  degli animali marini rinvenuti morti in mare o lungo le spiagge del Paese a causa del naufragio, nel giugno scorso, della nave cargo MV X-Press Pearl, che trasportava 1486 container.

Lo scorso 20 maggio, a bordo della grande nave cargo divampò un grande incendio.

Tutto l’equipaggio fu salvato e nonostante i soccorsi che riuscirono ad asportare tutto il carburante, il 2 giugno, la nave colò a picco insieme al suo carico: 25 tonnellate di acido nitrico e una serie di prodotti chimici, tonnellate di microplastiche e una grande quantità di cosmetici.

Sri Lanka, disastro ambientale: la nave è quasi del tutto affondata. Si teme fuoriuscita di petrolio

Sin dalle prime ore che seguirono l’inabissamento del cargo, iniziarono gli effetti disastrosi.

Miliardi di piccolissime palline di plastica, denominate ‘Nurdles’, cominciarono a ricoprire e colorare di bianco le spiagge.

 

I nurdles si sono rapidamente trasformati in un’esca letale per tutti gli animali marini, avvelenando per sempre le acque paradisiache.

Metalli pesanti nelle microplastiche dell’Alto Tirreno, a rischio la catena alimentare

Come documentato successivamente  da ‘The Pearl Protector’, l’associazione di tutela ambientale cingalese, sono state rinvenute morte centinaia di tartarughe marine, cinque balene, decine di delfini e un numero imprecisato di squali che hanno perso la loro vita a causa delle palline di plastica bianca scambiate per cibo.

Vittime del disastro anche migliaia di uccelli marini e le altre specie di pesci.

Come se questo non fosse già abbastanza, gli effetti di questo drammatico evento potrebbero durare per mesi o anni.

Articolo precedenteUe, Meloni “Non è tollerabile che modello confederale sia eresia”
Articolo successivoSalvini “Gli italiani sono pronti per il Referendum sulla giustizia”