Cultura

CROZZA SULLA NOVE. LA SATIRA POLITICA TORNA IN TV.

Condividi

Torna Crozza. E nelle case degli italiani tornano i personaggi che hanno reso famoso l’istrionico showman.
Il trasloco da La7 a canale Nove dello scorso anno ha dato il via allo show “Fratelli di Crozza”, che si prepara al nuovo ciclo di appuntamenti settimanali, più ricco del precedente.
Si, perché il re della “tragicommedia” costruita sulla politica italiana non si lascerà certo scappare nulla di quest’annata di fuoco. In fondo in TV l’unica satira rimasta è la sua. Orfani di Benigni, di Luttazzi e dei due Guzzanti tutto il peso della satira in TV sembra sia rimasto a Crozza.

Il 22 settembre in prima serata ritorna con nuovi personaggi, alcuni forse ancora poco noti, ma che da ora vanteranno il privilegio di essere imitati dal re della satira pungente.
Crozza ha anticipato in pillole i nuovi protagonisti del palcoscenico nazionale, spaziando tra politica, cultura e informazione.
Tra le novità: il ministro dell’Intero Marco Minniti, il giornalista di Libero Vittorio Feltri e l’ex sindaco di Milano Giuliano Pisapia. Il tutto condito con le giuste quantità di risate e spunti di riflessione che solo Crozza è capace di dosare al meglio. Molteplici anche le escursioni sui temi caldi, partendo dal faccia a faccia tra Salvini e Bossi a Pontida fino ai nuovi scontri Trump vs Kim sul nucleare.
E cosa ancor di più ci riserveranno quest’anno Mr. Crozza e la sua squadra vincente?
Da domani accendiamo la tv e godiamoci lo spettacolo.

(Visited 361 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago