La caratteristica più importante è che offrirà nozioni di base per comprendere i cambiamenti climatici. Per questo, è particolarmente adatto anche agli studenti di materie umanistiche.

Un corso sul clima e sui cambiamenti climatici, destinato a tutti gli studenti e non solo a quelli iscritti a facoltà scientifiche. È la brillante iniziativa dell’Università di Torino, per merito del professor Claudio Cassardo, docente del Dipartimento di Fisica dell’Ateneo. Per il secondo anno consecutivo, il professor Cassardo offrirà a tutti gli studenti, compresi quelli che studiano materie umanistiche, tutti gli strumenti di base per comprendere gli effetti del cambiamento climatico.

Il corso, intitolato ‘Clima e cambiamenti climatici‘, inizierà l’8 marzo 2022 e si terrà tutti i martedì, fino al 7 giugno (escluse le vacanze di Pasqua). Ogni lezione durerà due ore (dalle 16 alle 18, per un totale di 24 ore complessive e 3 Cfu) e potrà essere seguita sia in presenza che a distanza e anche in differita (le videolezioni saranno registrate e caricate su Moodle).

Clima, il Prof. Vacchiano a TeleAmbiente: “Vaia e Catania dimostrano che la tropicalizzazione è già in atto”

Come spiega il professor Cassardo sul proprio blog, il corso in primis offrirà agli studenti la comprensione di vari strumenti di lavoro (statistica, grafici, nozioni di base sui processi che regolano il clima terrestre come frutto dell’interazione tra i sottosistemi principali che lo compongono). Si passerà poi ai metodi di indagine sul clima passato (proxy data) e futuro (modelli numerici e interpretazione delle loro uscite), con la possibilità di ripercorrere la storia climatica della Terra. Infine, ci saranno riflessioni finali su diversi argomenti (rapporti sul clima; effetti dei cambiamenti climatici; concetti di adattamento e mitigazione; politiche climatiche; bufale climatiche). Per tutte le informazioni è possibile consultare la pagina dedicata al corso sul sito dell’Università di Torino.

Articolo precedenteIndonesia, liberato dopo 5 anni il coccodrillo con un pneumatico incastrato al collo
Articolo successivoRoma, una sola App per accedere a tutti i servizi di mobilità della città