AttualitàPolitica

Clima, ricoverato un ragazzo in sciopero della fame. Merkel: “Non mettete a rischio la vostra salute”

Condividi

I giovani di tutto il mondo in sciopero per il clima, ma c’è anche chi ha adottato misure drastiche. Un ragazzo tedesco, in sciopero della fame, è stato ricoverato in ospedale ed è arrivato anche il monito di Angela Merkel.

Dagli scioperi studenteschi per il clima a quelli decisamente più drastici. Sta facendo molto discutere la scelta di alcuni giovani attivisti in Germania, in sciopero della fame dal 31 agosto e impegnati a protestare davanti al Reichstag in vista delle elezioni del 26 settembre. Uno di loro, un 27enne, è stato addirittura ricoverato all’ospedale universitario della Charité a Berlino.

Nucleare, Salvini: “Una centrale in Lombardia? Nessun problema”. La frase che fa discutere

Una situazione così grave da dover essere affrontata in prima linea dalla politica. Christine Lambrecht, ministra della Famiglia, ha spiegato: “L’impegno civico di questi giovani ci colpisce molto, ma lo sciopero della fame non è lo strumento giusto per affermare un tema in politica“. Ad intervenire anche Angela Merkel, attraverso le dichiarazioni del suo portavoce, Steffen Seibert.

La strage silenziosa degli ambientalisti: ben 227 quelli uccisi nel 2020, la maglia nera al Sud America

Chi mette a rischio la propria salute con uno sciopero della fame desta anche molta preoccupazione negli altri e io spero che il giovane ricoverato si riprenda presto” – le parole del portavoce della cancelliera tedesca – “Sulla protezione del clima, che è la questione più importante del dibattito politico e che lo sarà anche in futuro, ogni proposta è benvenuta. Senza mettere però a rischio la propria salute“.

(Visited 20 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago