L’iniziativa in occasione dell’8 marzo.

Un’opera dell’artista Elisa Veronelli inaugurata alla Fiera di Bergamo, nell’ambito del progetto promosso da JTI Italia, Save the Planet Onlus e Aiuto Donna. Il murales, dal titolo Il Labirinto della Rosa, punta a sensibilizzare sul tema della sostenibilità, sui diritti delle donne e sulla lotta alla violenza di genere. “Unire queste due cose significa parlare di sostenibilità, non solo ambientale ma anche sociale” – ha spiegato ad Askanews Stefano Zenoni, assessore all’Ambiente e Mobilità del Comune di Bergamo “L’occasione quindi è necessaria e propizia per ricordare quanto siano collegati questi due temi tra di loro“.

Il murale presenta anche un grande QR code, con cui è possibile mettersi in contatto con Aiuto Donna, in caso di necessità. “Per noi di JTI la sostenibilità è un concetto concreto e a 360°. Siamo convinti che solo agendo su tutti i fronti si possa davvero raggiungere un futuro migliore” – ha spiegato Alessandra Goretti, Communication Manager di JTI Italia – “Abbiamo un elemento di sostenibilità ambientale che è la vernice fotocatalitica, che fa quello che fanno le piante: cattura lo smog e restituisce aria pulita. Nello stesso tempo c’è un impegno sociale forte contro la violenza sulle donne“.

Clima, le donne e il loro impegno per il futuro e la tutela del pianeta

JTI Italia sta collaborando con varie associazioni e istituzioni per aumentare l’impatto sociale e favorire il cambiamento. Tra queste c’è proprio Save the Planet Onlus. “Mettiamo insieme intanto un metodo: possiamo far vedere come aziende profit possano sostenere cause non profit e trasformarle in ricaduta sociale e ambientale positiva” – ha spiegato Elena Stoppioni, presidente di Save the Planet – “Poi perché dimostriamo che inserendo dei messaggi positivi nelle nostre città, quasi come con un agopuntura, si possono educare le persone su più fronti: la riduzione delle emissioni e la lotta alla violenza“.

Articolo precedenteCrisi energetica, attesa per il Piano Ue sull’energia. Draghi: “Unità europea su tutela energetica”
Articolo successivoTrenitalia, ecco Blues: il primo treno ibrido a tripla alimentazione