OIPA: “Ecco come garantire una pacifica convivenza con il lupo”

Dopo i recenti avvistamenti del lupo a pochi metri dalle abitazioni, l’Organizzazione Internazionale Protezione Animali (OIPA) ha scritto un Vademecum per favorire una pacifica convivenza con il principe della foresta.

Favorire una pacifica convivenza con il lupo senza allarmismi, senza fake news e senza paure ingiustificate. È l’obiettivo del Vademecum dell’Organizzazione Internazionale Protezione Animali (OIPA) dopo gli ultimi avvistamenti del predatore in città e in campagna a pochi passi dalle abitazioni.

Gli animalisti ribadiscono che il mammifero, specie protetta dalla Legge dell’Italia e dell’Unione Europea, non può essere cacciato, perseguitato o ucciso. Proprio per questo l’unica strada percorribile diventa la coesistenza tra lupo e uomo.

Tra i consigli di OIPA, chi abita in territori popolati dal principe della foresta non deve tenere i cani alla catena (pratica già illegale in alcune Regioni italiane), non deve dare cibo alla fauna selvatica e non deve lasciare bocconi alle colonie feline.

E se si ha un incontro ravvicinato con un Canis lupus?

La regola è non farsi prendere dal panico. La persona deve parlare poi ad alta voce per allontanarlo, non disturbarlo e tenere il proprio cucciolo a guinzaglio. Il lupo potrebbe attaccare, infatti, il nostro amico a quattro zampe dopo averlo considerato un avversario.

Articolo precedenteFrancesco Gabbani, il 9 dicembre esce “Natale tanto vale”
Articolo successivoPachamama, il gioco di Natale che insegna la lotta al cambiamento climatico