Attualità

AMIANTO, NUOVO BANDO PER LE BONIFICHE CON PRIORITA’ ALLE SCUOLE

Condividi

Amianto, nuovo bando per le bonifiche con priorità alle scuole. Nuovo bando del Ministero dell’Ambiente (decreto 562/2017 – in attuazione della norma del Collegato Ambientale) che assegna 16 milioni di euro in tre anni fino al 2018 alla progettazione preliminare e definitiva di interventi di bonifica dall’amianto.
Ogni Comune italiano che vuole progettare un’attività di bonifica dall’amianto dagli edifici pubblici, potrà presentare un’istanza con più interventi, per un massimo finanziabile di 15.000 euro.

C’è tempo fino al 30 aprile per presentare la domanda on line.

 

Clicca sul link che segue per partecipare:

https://www.amiantopa.minambiente.ancitel.it/security.do?metodo=homepage

 

Il nuovo decreto, definisce i dettagli sulle modalità di accesso; sui criteri di valutazione e formazione della graduatoria, con i relativi allegati tecnici per la documentazione di supporto alla domanda.

Restano invece quelli fissati dal decreto 21 settembre 2016, i criteri per accedere al fondo.

Hanno la precedenza:
– gli edifici scolastici o entro un raggio non superiore a cento metri da asili, scuole, parchi gioco, strutture di accoglienza, ospedali e impianti sportivi,
– gli interventi su edifici pubblici già oggetto di segnalazione di enti di controllo sanitari, di tutela ambientale o di altri enti e amministrazioni,
– gli interventi con un progetto cantierabile in dodici mesi dall’erogazione del contributo,
– gli interventi nei siti d’interesse nazionale o inseriti nella mappatura dell’amianto prevista dal decreto 101 del 2003.

Il primo bando riferito all’annualità 2016 si era concluso il 30 marzo dello scorso anno con la presentazione di 235 istanze per diciotto regioni italiane: interventi consistenti sono stati finanziati nel Nord-Ovest (353 mila euro, il 28% degli importi totali) e al Centro (314 mila euro, il 25%).

(Visited 77 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago