Agrifood Magazine - ItalpressVideo

Passi avanti sulla nuova Pac, ma un pieno accordo non è ancora stato raggiunto – Agrifood Magazine

Condividi

In questa edizione di Agrifood Magazine realizzato in collaborazione con ItalPress: 1) Passi avanti sulla nuova Pac, ma un pieno accordo non è ancora stato raggiunto; 2)Ferrero, nuova acquisizione nel Regno Unito; 3)Too Good ToGo lancia l’Etichetta Consapevole; 4)Accordo tra Campus Bio-medico e Istituto Garibaldi su agricoltura e alimentazione

  

In questa edizione di Agrifood Magazine realizzato in collaborazione con ItalPress:

1)Agricoltura, ancora niente accordo sulla nuova Pac: Conciliare sostenibilità economica e quella ambientale, è l’obiettivo del Governo italiano sulla nuova Politica Agricola Comune dell’Unione Europea. Al Consiglio Ue dei ministri dell’agricoltura e della pesca, che si è svolto a Bruxelles, si sono fatti dei passi avanti, ma ancora un pieno accordo tra Stati membri, Parlamento europeo e Commissione non è stato raggiunto. Si è deciso quindi di rinviare i colloqui alla prossima riunione in programma a giugno.

 Legge italiana sull’agricoltura biologica, approvata finalmente in via definitiva dal Senato. Ecco cosa prevede

2) Ferrero, nuova acquisizione nel Regno Unito: Una società affiliata a Ferrero ha annunciato un accordo definitivo in base al quale acquisirà Burton’s Biscuit Company dal fondo Ontario Teachers’ Pension Plan Board. Burton’s impiega circa 2.000 persone nei sei stabilimenti di produzione presenti nel Regno Unito e ha generato un fatturato di oltre 275 milioni di sterline negli ultimi 12 mesi. Nell’ambito dell’operazione, la società affiliata a Ferrero rileverà sei stabilimenti di produzione nel Regno Unito, e prevede di aumentare l’offerta di prodotti nel mercato dei biscotti, a seguito anche delle precedenti acquisizioni di Delacre, Kelsen Group e Fox’s.

 

3) Too Good To Go lancia l’Etichetta Consapevole: Il 63% degli italiani non conosce la differenza tra data di scadenza e il Termine minimo di conservazione (Tmc), contribuendo al 10% dello spreco alimentare in Europa dovuto all’errata interpretazione delle diciture. Partendo da questi dati Too Good To Go, app contro gli sprechi alimentari, lancia anche in Italia l’Etichetta Consapevole. Il progetto, realizzato in collaborazione con altri partner, intende implementare su alcuni prodotti un’ulteriore dicitura e dei pittogrammi che spieghino al consumatore che dopo la data “preferibile” il prodotto non è da gettare indiscriminatamente, ma ne vanno verificate le condizioni anche attraverso i propri sensi. Oggi sono 9 milioni le tonnellate di cibo sprecate ogni anno in Europa, dovute all’errata interpretazione della dicitura, che equivalgono a più di 22 milioni di tonnellate di CO2e immesse nell’atmosfera.

Too Good to Go, l’iniziativa ‘Etichetta Consapevole’ contro gli sprechi alimentari

 

 4) Agricoltura e Alimentazione, accordo tra Campus Bio-medico e Istituto Garibaldi:  L’Università Campus Bio-Medico di Roma e l’Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Garibaldi avviano un percorso comune per sviluppare formazione, innovazione e ricerca in uno degli asset più consistenti del made in Italy: l’agricoltura e l’alimentazione. L’accordo triennale tra le due realtà, ma che potrà coinvolgere in futuro altri soggetti pubblici e privati, è focalizzato su tematiche quali la sensoristica avanzata e intelligenza artificiale per l’agricoltura di precisione, nutraceutica e nutrizione di precisione per la medicina preventiva, tecnologie di automazione avanzata per la filiera agroalimentare, resilienza ai cambiamenti climatici nonché sulla partecipazione congiunta a progetti nazionali e internazionali su formazione e ricerca.

(Visited 14 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago