Martina Malagnino e il suo “Giocattolo Rotto”. Il nuovo singolo dell’artista pugliese

La cantante emergente pugliese Martina Malagnino esce con “Giocattolo rotto”, brano apripista della ‘nuova Martina’

Esce “Giocattolo rotto”, il nuovo singolo di Martina Malagnino, cantautrice emergente pugliese della provincia di Taranto.

Martina è una promessa della musica italiana che, in questi ultimi anni, si è fatta notare a livello nazionale, arrivando a sfiorare la sezione giovani del Festival di Sanremo nel 2017, dopo la finale di Area Sanremo.

Giocattolo rotto è il singolo apripista di un nuovo progetto, una Martina Malagnino diversa da quella che eravamo abituati a sentire, che sta scrivendo tanto.

“Si, molto diversaha raccontato Martina Malagnino ai microfoni di Teleambiente questa canzone è nata quest’anno intorno a febbraio/marzo insieme al mio amico Central Park ed infatti anche lui fa parte di questo progetto”.

“Siamo voluti uscire con questa canzoneha continuato Martinache ha una versione live, piano e voce, proprio perché volevamo far arrivare in maniera diretta la via che vogliamo intraprendere con questo nuovo progetto, dove vogliamo arrivare. In questo brano sono ‘nuda’ artisticamente. Quando mi siedo al piano, magari sono un po’ agitata, ma so che quello è il mio posto nel mondo e so cosa voglio e devo fare”.

“Giocattolo rottoha spiegato – è una canzone molto particolare e quando è uscita la sentivo ancora più mia e vicina di quando l’ho scritta, quindi il destino ha voluto proprio che mi rispecchiasse in toto”.

Giocattolo rotto sono ioha confessato Martina parla in realtà di una me un po’ rotta a livello emotivo, che soffre di ansia, di paranoie, preoccupazioni e queste sono cose che vanno ad accomunare molte persone, di ogni età”,

“Sono molto attiva sui social e potete trovarmi lì ha concluso la cantautrice pugliesesu instagram potete scrivere ‘lamartinamalagnino’ e mi trovate tranquillamente e poi ‘giocattolo rotto live version’ su Spotify, su YouTube e su tutte le piattaforme digitali”.

 

Articolo precedenteAnimal Equality: “Ecco l’orrore in un macello illegale di cavalli”
Articolo successivoDall’Olanda alla Sardegna: due grifoni volano sul cielo dell’Isola