AttualitàBreaking News

La “squadra ribelle” che combatte il degrado

Condividi

Trasformare la calabrese Lamezia Terme in una città green piantando 10mila piante e alberi e restituendo ai cittadini il senso di appartenenza alla comunità e alla natura.

 

La  Squad Rebel è un movimento nato dal basso che vuole migliorare la qualità della vita del territorio, spazzando via il degrado urbano a colpi di arte, cultura e natura. Il progetto prende piede a Lamezia Terme (Calabria) ed è nato da un’idea Antonio Saladino, 32 anni, un passato in una struttura carceraria ed un presente fatto di nuove prospettive.

Squad Rebel nasce nel 2014 come laboratorio di idee che mira al benessere sociale: dalla pulizia delle strade fino al guerrilla gardening, passando per la street art, il teatro, la lettura e la riscoperta degli antichi mestieri.

Il team è composto da artisti, grafici, writers, esperti di botanica e di tanto altro, a e parte dal presupposto che il cambiamento può partire da qualsiasi persona.

In pratica, spazi spogli e disadorni diventano angoli verdi, dai terrazzi alle scuole, dagli uffici  alle piazze ed ad altre strutture pubbliche.  L’ultima sfida lanciata dalla squadra è #Adottaunapianta che ha come obiettivo quello di inserire 10mila tra piante e alberi da frutto o da ornamento all’interno della città. Per partecipare basta acquistare dalla cooperativa sociale Medina o da qualsiasi punto floreale del territorio, una pianta da inserire sui balconi o all’interno delle abitazioni al fine di decorare intere vie e quartieri della città.

Squad Rebel è un progetto che invoglia i giovani e crea nuove opportunità lavorative. 

Una città più verde è anche un luogo di maggiore attrazione turistica, migliora la qualità dell’aria e quindi e della vita.

(Visited 332 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago