AttualitàInquinamentoScienza e Tecnologia

EWBALLS, la novità ecologica per fare il bucato: è davvero efficace?

Condividi

Si chiamano EWBALLS e rappresentano un’alternativa più ecologica al detersivo per fare il bucato. La loro composizione ricorda molto le famose biowashball e viene quindi da chiedersi: sono davvero efficaci?

Un tempo furono le biowashball, palline di plastica verdi contenenti al loro interno pezzetti di ceramica. Si presentavano come un’alternativa ecologica al detersivo per lavare i panni ma la loro efficacia non poteva essere neanche lontanamente paragonata. Ora è il momento delle EWBALLS, che contengono al loro interno 150 biglie in bio-ceramica, in grado di agire direttamente sul PH dell’acqua, rendendola altamente alcalina.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da ewballs (@ewballs.it)

Secondo l’azienda che le produce, le biglie in bio-ceramica delle EWBALLS nobiliterebbero l’acqua, cedendo le dosi minime dei minerali di cui sono composte neturalizzando cloro, batteri e agenti patogeni. Essendo prive di componenti chimici, le EWBALLS sarebbero un’alternativa naturale ed ecologica per il lavaggio, garantendo la stessa efficacia del detersivo. Come ricorda però Il Salvagente, la stessa promessa veniva fatta per le biowashball, salvo poi essere smentita nei fatti dai test pratici svolti nel lontano 2008 dalla testata leader sul fronte delle truffe ai danni dei consumatori.

(Visited 130 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago