La città argentina di Santa Isabel è stata invasa da centinaia di migliaia di coleotteri. Gli insetti hanno proliferato fuori stagione a causa delle temperature insolitamente alte registrate nei giorni scorsi.

Centinaia di migliaia di coleotteri, forse milioni secondo alcuni, hanno invaso la piccola cittadina di Santa Isabel in Argentina.

I cittadini di Santa Isabel raccontano che gli insetti sono sbucati dal terreno e hanno riempito in poco tempo i tetti delle case. Ma sono talmente tanti – e quindi il peso complessivo talmente elevato – che c’è il pericolo che i tetti possano crollare. 

Per questo motivo gli abitanti di Santa Isabel stanno raccogliendo i coleotteri in scatoli e cestini togliendoli dai tetti delle proprie abitazioni.

“Precipitano sui tetti come se fosse grandine e possono cadere sui parabrezza o i tettucci delle auto di passaggio“, ha raccontato il sindaco della cittadina, Cristian Echegaray. 

Per spingere i coleotteri a lasciare Santa Isabel, le autorità hanno deciso di non accendere più l’illuminazione pubblica. La speranza è che gli insetti – che solitamente sono attratti dalle fonti di luce – percepiscano le luci provenienti da altre zone del Paese e si allontanino da lì.

Si tratta di una prima volta per la città che pure è abituata alla presenza di coleotteri ma non in questo periodo. Secondo gli esperti argentini, le temperature insolitamente elevate e le piogge insolitamente abbondanti registrate nelle ultime settimane hanno creato le condizioni favorevoli per la loro proliferazione.

Roma, Magliano contro la discarica. E la protesta arriva al Parlamento europeo

Articolo precedenteRoma, Magliano contro la discarica. E la protesta arriva al Parlamento europeo
Articolo successivoRoma, un robot gestirà la sala operatoria dell’ospedale Sant’Andrea