clima neve sciolta 3000 metri

Il caso dell’osservatorio climatico di Sonnblick, in Austria, è emblematico.

La neve intorno a uno degli osservatori meteorologici e climatici più alti del mondo si sta sciogliendo a ritmi sempre più elevati. Il completo scioglimento è previsto per i prossimi giorni nei pressi dell’osservatorio di Sonnblick, sulle Alpi dell’Austria, a 3.106 metri di altitudine. Gli scienziati sono attoniti nel vedere che quest’anno, con la crisi del clima, la neve si è già sciolta. Lo riporta il Guardian.

 

Il completo scioglimento della neve intorno all’osservatorio di Sonnblick si è verificato di rado, e sempre dopo la metà di agosto. I record negativi registrati finora riguardano due estati particolarmente calde, quella del 1963 e quella del 2003, quando la neve si sciolse del tutto il 13 agosto. Quest’anno, il fenomeno si verificherà con un mese di anticipo. “La profondità della neve si assottiglia giorno dopo giorno, che si sciolga completamente è un fatto raro. In alcuni anni, d’estate, la coltre di neve è sempre rimasta“, ha spiegato il climatologo austriaco Alexander Orlik.

 

Le prime misurazioni della neve all’osservatorio di Sonnblick furono svolte nel lontano 1938. “Il 30 giugno scorso, la profondità della neve era di appena 39 centimetri. Il record negativo registrato a giugno, prima di quest’anno, risale al 1942. Ed era di 120 centimetri. La media, per il mese di giugno, è invece di 307 centimetri” – spiega ancora Alexander Orlik – “Un anno fa, invece, la profondità della neve era di 362 centimetri. Oggi, all’inizio di luglio, siamo a poco più di due centimetri di profondità“.

 

L’osservatorio di Sonnblick, costruito nel 1886, serve per monitorare i livelli più alti dell’atmosfera, per le previsioni meteo e per raccogliere i dati climatici tra i più affidabili, completi e accurati al mondo. Da sempre immerso nella neve, quest’anno rischia di veder scomparire del tutto la coltre bianca che ne caratterizza il paesaggio circostante.

Articolo precedenteEcco Witty, il dispositivo che allunga la vita delle batterie degli smartphone
Articolo successivoRoma firma il CIS, 200 milioni di euro per l’efficientamento delle scuole