Home Attualità Animali Dubai, l’inquinamento da plastica ha ucciso centinaia di cammelli: uno di loro...

Dubai, l’inquinamento da plastica ha ucciso centinaia di cammelli: uno di loro aveva 2mila sacchetti nello stomaco

Sono centinaia i cammelli selvatici di Dubai morti a causa dell’inquinamento da plastica: gli animali scambiano i rifiuti tossici per cibo. Uno di loro aveva 2.000 sacchetti di plastica all’interno dello stomaco.

“Ero a Dubai per esaminare la plastica nel Golfo Persico quando un veterinario di cammelli, Ullrich Wernery, del Central Veterinary Research Laboratory, mi ha chiesto di unirmi a lui nel deserto – racconta Marcus Eriksen, co-fondatore dell’ong 5 Gyres Institute, ricercatore e studioso di rifiuti di plastica nel Golfo – Abbiamo trovato cinque scheletri di cammelli sepolti nella sabbia con masse di rifiuti di plastica nel petto. I cammelli sanno solo che ciò che non è sabbia è probabilmente cibo. La plastica imita il cibo naturale che mangiano. Inoltre, la plastica disseminata potrebbe contenere rifiuti alimentari, come oli e sali, che sono attraenti al gusto”. 

All’interno dello stomaco di uno dei cammelli è stata trovata una massa di plastica grande come una valigia: un groviglio di duemila sacchetti di plastica: “Non riuscivo a credere a quello che io e i miei colleghi avevamo trovato”, commenta il ricercatore. 

I sacchetti di plastica sono tra gli oggetti di plastica più dannosi per i cammelli in quanto possono facilmente “sfuggire” dalle discariche o dai bidoni della spazzatura ed essere trasportati dal vento nell’habitat desertico dei cammelli. Nella foto: un tumulo di plastica prelevato dall’intestino di un cammello

“Rispetta il tuo Capitale”, Posidonia spiaggiata da rifiuto a risorsa VIDEO

Nel suo ultimo studio il dottor Eriksen ha dimostrato che buste, bottiglie, corde e altre materie plastiche possono accumularsi nello stomaco dei cammelli nel corso degli anni, calcificandosi lentamente in una massa solida.

Questo accumulo può far sì che il cammello si senta sempre pieno e alla fine smetta di mangiare del tutto.

La plastica, che viene scambiata per cibo naturale dai cammelli, talvolta contiene allettanti rifiuti alimentari e può accumularsi all’interno dello stomaco del cammello per settimane, mesi e anni, calcificandosi in una massa solida come quella sopra, che è stata presa dall’intestino di un cammello.

Rifiuti, il Reparto ambientale marino recupera fusti metallici nel Sin di Priolo

“I cammelli – ha aggiunto Eriksen – si denutriscono e muoiono. Le sacche nell’intestino contengono anche grandi colonie batteriche, quindi i cammelli si ammalano facilmente per l’elevata carica batterica“.

In un caso, il dottor Eriksen ha recuperato una massa di plastica, nota agli scienziati come polibeboaro, del peso di più di 10 pietre da una serie di resti di cammelli.

“Questo non è uno studio di laboratorio – ha concluso il dottor Eriksen – questa è la vita reale e sta accadendo proprio ora a un’intera popolazione, non solo a un singolo cammello”.

Previous articleMaria Chiara Carrozza presidente del Cnr, è la prima volta per una donna
Next articleCorteo “Io apro” a Roma, tensione manifestanti-forze dell’ordine