Italpress

Corteo “Io apro” a Roma, tensione manifestanti-forze dell’ordine

Condividi

ROMA (ITALPRESS) – Tensione a Roma, in piazza San Silvestro, dove si è svolta la manifestazione non autorizzata dalla questura “#Ioapro”. Circa 300 ristoratori e commercianti presenti, al grido di “Libertà, libertà”, protestavano contro le chiusure causate dalla pandemia.
Intorno alle 14 si è iniziata a riempire piazza San Silvestro con i manifestanti provenienti da tutta Italia per chiedere al governo la riapertura delle attività in tempi certi. La manifestazione era stata annunciata dal movimento “#Ioapro” in piazza Montecitorio ma non era autorizzata dalla Questura. Così ristoratori, commercianti, autonomi e partite Iva si sono dati appuntamento in piazza San Silvestro, a pochi passi. La polizia in assetto antisommossa ha bloccato tutte le vie di accesso a Montecitorio, questo ha portato ad alcuni momenti di tensione quando un gruppo di persone si è avvicinato, con le mani alzate, al cordone degli agenti per dirigersi verso la Camera. Un gruppo ha lanciato fumogeni, petardi e bombe carta.
“Chiediamo le dimissioni del ministro dell’Interno. Questi scontri li ha causati il ministro non concedendoci nessuna piazza. Avevamo chiesto anche piazza del Popolo”, urlava dal megafono uno dei manifestanti. In piazza si sono alzati anche cori contro il premier, Mario Draghi.
(ITALPRESS).

(Visited 9 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago