Animali

Zimbabwe, trovate altre carcasse di elefanti: il bilancio è di 22 vittime. Ecco cosa sta succedendo

Condividi

Sono 22 gli elefanti trovati morti nella foresta di Pandamasuwe nello Zimbabwe occidentale. Si aggiungono agli altri elefanti rinvenuti la scorsa settimana: la causa della morte potrebbe essere la stessa, forse un’infezione batterica.

L’agenzia per la fauna selvatica dello Zimbabwe ha dichiarato di aver scoperto altre carcasse di elefanti vicino a un grande parco giochi, portando il numero di animali morti, forse a causa di stati un’infezione batterica, a 22 ovvero il doppio della cifra iniziale.

Kenya, pochi turisti a causa del Covid. Nascita record di 140 elefanti

La Zimbabwe Parks and Wildlife Management Authority (Zimparks) ha già escluso il bracconaggio e l’avvelenamento da cianuro per la morte di elefanti nella foresta di Pandamasuwe nello Zimbabwe occidentale. Il portavoce di Zimparks Tinashe Farawo ha detto che le ultime carcasse di elefanti sono state trovate martedì e mercoledì. La maggior parte degli animali erano giovani, il più vecchio aveva 18 anni. 

Gli elefanti, che avevano le zanne intatte, sono morti in circostanze simili a quelli trovati per la prima volta la scorsa settimana: “Sospettiamo che siano le stesse cause del primo gruppo e stiamo anche cercando di prelevare campioni ad altri laboratori indipendenti in modo da poter ampliare le nostre indagini“, ha detto Farawo. Ci vorrà del tempo prima che sia pronto un rapporto finale sulle cause dei decessi.

Strage di elefanti in Botswana, misteriosa morte di 350 esemplari

I funzionari di Zimparks affermano che la più grande minaccia per il branco di elefanti dello Zimbabwe è la sovrappopolazione e che le minori precipitazioni quest’anno potrebbero nuovamente lasciare gli animali senza acqua e cibo: almeno 200 sono morti nel 2019 per questo motivo. Lo Zimbabwe ospita circa 80.000 elefanti, circa un quinto del totale dell’Africa, stimano gli ambientalisti. I numeri complessivi sono diminuiti drasticamente negli ultimi anni, principalmente a causa di una combinazione di bracconaggio, caccia illegale e siccità.

Congo, uno dei più noti bracconieri condannato a 30 anni dopo l’uccisione di oltre 500 elefanti

All’inizio di quest’anno il vicino Botswana è stato colpito da centinaia di misteriose morti di elefanti. Un funzionario della fauna selvatica in Botswana ha detto che a luglio i test preliminari hanno indicato una tossina naturale come probabile causa.

(Visited 41 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago