Territorio

Zimbabwe, allarme siccità: a rischio le cascate Vittoria, patrimonio Unesco

Condividi

Le temperature sono arrivate fino ai 51°, una catastrofe ambientale che minaccia uno dei patrimoni Unesco più spettacolari, la portata delle cascate Vittoria, al confine tra Zambia e Zimbabwe. Milioni di persone rischiano di morire di fame.


La grave siccità che attraversa l’Africa australe sta lasciando il segno anche su uno dei patrimoni Unesco più belli che ogni anno attira un milione di turisti da tutto il mondo. Si tratta delle cascate Vittoria. Il surriscaldamento climatico ha fatto salire le temperature fino a 51 gradi nella regione australe. Nonostante la stagione delle piogge sia iniziata, il flusso d’acqua si è ridotto a 109 metri cubi al secondo: il livello più basso dal 1995.

Clima, nel 2018 record temperature e piogge superiori alla media

C’è grande preoccupazione per il danno economico causato da quella che è considerata la più grave ondata di siccità degli ultimi 40 anni. La regione è una delle più sviluppate a livello turistico in tutta l’Africa, ma senza lo spettacolo delle cascate, il rischio è che la stagione non decolli, lasciando a casa migliaia di persone.

Negli ultimi anni sono stati spesi centinaia di milioni di dollari, grazie ai finanziamenti cinesi, per rendere gli scali della zona accessibili anche ai grandi aeromobili. “Se non si interviene per fermare il surriscaldamento del pianeta la nostra industria turistica fallirà” ha detto Godfrey Koti, portavoce dell’Autorità del Turismo dello Zimbabwe.

La metà dei 14 milioni di abitanti rischia di morire di fame dato che i raccolti si sono dimezzati, anche a causa delle devastazioni del ciclone Idai dello scorso marzo. Stanno arrivando i primi soccorsi alimentari da altri Paesi africani, ma l’assenza di valuta straniera per pagare le derrate mette a serio rischio la sopravvivenza di migliaia di persone anche nei centri urbani.

Gli incendi stanno devastando la California: dichiarato lo stato d’emergenza

Il Governo ha iniziato la distribuzione di grano e ha dato il via libera all’importazione di 800mila tonnellate di alimenti basici. Nei prossimi sei mesi, secondo le Nazioni Unite, 45 milioni di persone sono a rischio alimentare in Africa australe a causa dell’aumento delle temperature, cresciute di due gradi in più rispetto alla media globale.

Preoccupa ancor di più l’approvvigionamento energetico. Nella zona è presente la diga di Kariba, costruita nel 1956 da un consorzio di imprese italiane, che fornisce 1.320 megawatt di elettricità sia allo Zambia che allo Zimbabwe.

Da mesi è iniziato il razionamento energetico, dopo che la diga si è svuotata dell’85%, a causa dell’evaporazione di milioni di metri cubi d’acqua del fiume Zambesi, uno dei più grossi bacini idrici dell’Africa. “Stiamo valutando l’ipotesi di cessare le attività della centrale idroelettrica ed iniziare ad importare energia dai Paesi limitrofi”, ha detto Mthuli Ncube, ministro delle Finanze.

Amazzonia, le piogge spengono gli incendi e i volontari urlano di gioia VIDEO

Un’operazione complessa dato che, anche il vicino Sudafrica, a causa del malfunzionamento di alcune centrali a carbone sta avendo frequenti blackout sulla rete. A soffrire sono anche gli animali che stanno soccombendo per l’assenza d’acqua e vegetazione. Nel Mana Pools National Park, eletto dall’Unesco patrimonio mondiale dell’Umanità per la sua biodiversità, sono morti disidratati 55 elefanti.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago