Il panettone solidale ‘firmato’ da Zerocalcare

Una parte del ricavato del Panettone Accogliente andrà a finanziare la ricostruzione di un cinema nel Rojava, chiuso dal 1960 dopo un tragico incendio. Un’altra parte sosterrà la formazione professionale e il reinserimento lavorativo delle donne in carcere.

Un panettone solidale ‘firmato’ da Zerocalcare. Il popolare fumettista romano ha partecipato attivamente alla realizzazione del cosiddetto Panettone Accogliente, un progetto che vede la collaborazione del ristorante giapponese di Milano, Gastronomia Yamamoto, e della Onlus UIKI.

Una parte del ricavato andrà a finanziare la ricostruzione del cinema di Amudé, in Rojava, chiuso dal 1960 dopo un incendio doloso che uccise circa 300 persone, la maggior parte delle quali bambini e ragazzi. Da allora, quella zona del Nord-Est della Siria non ha più avuto un cinema e per questo si cerca di ridare alla popolazione curda uno spazio di aggregazione sociale e di formazione culturale. Un’altra parte del ricavato andrà invece a finanziare la Cooperativa Alice, che si occupa della formazione e del reinserimento lavorativo delle donne detenute in carcere.

Oltre a prenotare il Panettone Accogliente, di cui Zerocalcare ha realizzato la grafica, il prossimo 3 dicembre sarà possibile partecipare al firma-panettone direttamente con l’artista. Appuntamento dalle 14, direttamente in Gastronomia Yamamoto, in via Amedei 5 a Milano. L’evento è su prenotazione e ad esaurimento posti.