Cultura

YOUTUBE MUSIC, LA “RIVOLUZIONE” DI GOOGLE PER SFIDARE SPOTIFY E APPLE MUSIC

Condividi

YouTube Music, la “rivoluzione” di Google per sfidare Spotify ed Apple Music. GooDa app gratuita a piattaforma per lo streaming musicale.

È il nuovo volto di YouTube Music, il servizio streaming musicale di Google, pronto a competere con le rivali Spotify e Apple Music.

La nuova App verrà lanciata, a partire dal 22 maggio, negli Stati Uniti, Corea del Sud, Messico, Australia e Nuova Zelanda.

Nelle settimane successive, altri 14 Paesi, Italia compresa.

Il servizio, si comporrà sia di un’offerta gratuita (quindi con pubblicità) che di una versione premium: YouTube Music Premium (al costo di 9,99 dollari al mese), che oltre a essere priva di inserzioni permetterà i download offline, o di far andare la musica in background.

Con l’arrivo della nuova piattaforma, il precedente servizio musicale, Google Play Music, sarà progressivamente chiuso.

Secondo Usa Today inoltre, sul tavolo c’è anche l’idea di usare il Google Assistant, l’assistente digitale basato su intelligenza artificiale, per fare migliori raccomandazioni sulla musica da ascoltare agli iscritti a YouTube Music.
Novità interessanti riguardano il supporto alle schede SD per il salvataggio dei brani offline; la sezione “Suggerimenti”, dove troveremo delle playlist create in base ai nostri precedenti ascolti; la possibilità di cambiare qualità delle tracce audio e molto altro ancora.

Un importante rivoluzione riguarda anche il settore video.

Gli abbonamenti Google per i contenuti video e quelli musicali non saranno più uniti.

Solo l’abbonamento a YouTube Premium, permetterà agli utenti di accedere ai video esclusivi al posto di YouTube Red.

(Visited 64 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago