AttualitàCulturaRiciclo e RiusoRifiuti

Youth4Climate, presente anche Lorenzo Baglioni con ‘La raccolta differenziata’

Condividi

Youth4Climate, tra gli eventi ce ne sarà anche uno con Lorenzo Baglioni. Il comico e cantautore italiano sarà protagonista col suo nuovo brano, ‘La raccolta differenziata’.

Sta già riscuotendo un certo successo ‘La raccolta differenziata‘, il nuovo brano del cantautore e comico Lorenzo Baglioni, presentato in anteprima nazionale presso il Ministero della Transizione ecologica, alla presenza di Roberto Cingolani. Realizzato in collaborazione con Alia Servizi Ambientali (gestore del ciclo integrato dei rifiuti in 58 Comuni della Toscana centrale), il brano servirà per stimolare la cittadinanza ad aumentare la quota di differenziata.

Dopo la presentazione, Roberto Cingolani ha invitato Lorenzo Baglioni e Alia a presentare il video a Youth4Climate, l’evento organizzato dall’Italia in vista della Cop e che si terrà a Milano dal 28 al 30 settembre. Nel corso dell’evento, organizzato per i giovani, Lorenzo Baglioni sarà con tutta probabilità protagonista insieme a Mario Tozzi, con cui ha spesso condiviso il palcoscenico.

FitFor55, la nuova strategia Ue per le foreste: previsti tre miliardi di nuovi alberi entro il 2030

“La parola circolare è importante, sempre più ascoltata e percepita, è uno strumento essenziale per rispondere all’emergenza climatica, agli impegni di decarbonizzazione, al miglioramento dell’uso delle rinnovabili e al riciclo dei materiali” – ha spiegato il ministro della Transizione ecologica – “Non sprecare, riutilizzare tutto ciò che è possibile, anche trasformandolo o rigenerandolo, nella logica di uno sviluppo sempre più sostenibile, giusto. E nel caso dei rifiuti urbani, tutto nasce dai nostri comportamenti: per questo, utilizzare linguaggi diversi, innovativi, come un fumetto o come un videoclip musicale, aiuta a veicolare messaggi positivi e inclusivi”.

Clima e Green Deal Ue, von der Leyen: “Chi inquina pagherà di più”. Gentiloni: “Carbon tax graduale”

“La musica ha un potere straordinario, perché allora non provare a mettere questo potenziale comunicativo incredibile a disposizione di importanti cause sociali? Proviamo a farlo da qualche anno, spaziando dalla didattica fino a tematiche più sensibili, e questa volta, grazie ad Alia Servizi Ambientali, siamo riusciti a mettere in musica la raccolta differenziata, ovvero il primo passo verso un’economia circolare” – ha spiegato Lorenzo Baglioni – “La canzone, scritta con mio fratello Michele e prodotta da Lorenzo Piscopo, gioca con la parodia di genere di una (fittizia) Boy Band didattica, I Supplenti Italiani, riuscendo così a rendere romantica e appassionante la gestione e il riciclo dei rifiuti”.

Sostenibilità, la sfida di Tokyo 2020, un’Olimpiade tutta green

Nicola Ciolini, presidente di Alia, ha invece spiegato: “Per noi è importante cercare di coinvolgere le nuove generazioni, non sono solo ‘nativi digitali’ ma anche ‘nativi sostenibili’ e sono loro che ci permetteranno di raggiungere gli obiettivi di riciclo indicati dall’Ue. La raccolta differenziata di qualità è il primo passo, il videoclip di Lorenzo Baglioni racconta in modo ironico e leggero quanto sia importante che questo primo passo, che coinvolge ogni giorno ognuno di noi e le nostre famiglie, sia fatto bene”.

(Visited 16 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago