Territorio

Xylella, Vandana Shiva e la sua “battaglia per la verità”. Se bastasse un abbraccio

Condividi

Xylella. Vandana Shiva, ambientalista e attivista indiana, è apparsa in un video fb rivolto alla Puglia, per incitare ad una “battaglia per la verità sugli alberi di ulivo” distrutti dalla Xylella“. A sbagliare sarebbe il sistema agricolo. Il suo appello/soluzione ai pugliesi: “Resistete e abbracciate i vostri olivi”, arriva dopo il dl emergenze agricoltura che ammette la distruzione delle piante contaminate.

Arriva da Vandana Shiva una “Call to the people of Puglia” per la verità sulla Xylella fastidiosa. L’attivista e ambientalista indiana, nota per le sue posizioni critiche nei confronti dei paradigmi e delle pratiche vigenti nel sistema dell’agricoltura e dell’alimentazione a livello globale, è apparsa in un video, patrocinato dal blog “il bosco degli Ogigia“,  da”Terra nuova Edizioni” e dall’organizzazione Navdanya International, per parlare della Xylella. Meglio: per invitare ad una battaglia per la verità sulla Xylella, il batterio che sta decimando gli ulivi della Puglia e del Mediterraneo.

Gli alberi non sbagliano, sbaglia il sistema agricolo. Tagliare il cartello dei veleni. 
“Ogni parassita, ogni attacco batterico, ogni attacco fungino è il sintomo di un’agricoltura avvelenata, non è un problema degli alberi. Perché se gli alberi d’ulivo sono stati bene per secoli, di sicuro non sono gli alberi a sbagliare, ma è il sistema agricolo a sbagliare. Invece di tagliare gli alberi, tagliamo il cartello dei veleni“.

Fare pace con la terra.
“Tagliando gli alberi d’ulivo, tagliamo anche la cultura, che per me significa solo una cosa: pace. Perché la colomba vola tenendo con sé un ramo di olivo? Dobbiamo fare pace con la terra! E l’ulivo è il simbolo di questa pace con la terra”.

Vandana Shiva: “L’agroindustria non ha futuro, la transizione è già cominciata”

Xylella fastidiosa, presentato ricorso contro la regione puglia

Lanciare un segnale
“Dobbiamo lanciare un segnale! L’industria chimica ci ruba la vita, ci ruba la biodiversità, ci ruba anche la democrazia, perché nessuno ci ha chiesto se vogliamo tagliare gli alberi d’ulivo. E, cosa più importante,  ci ruba il futuro. Ecco il motivo per cui tanti giovani si stanno ribellando in tutto il mondo. Credo anche i pugliesi”.

Clima, “Fridays for future” la voce dei ragazzi. Sciopero globale 15 marzo 2019

Abbracciare, invece di tagliare. 
“Dobbiamo fare quello che hanno fatto le donne di Chipko per proteggere le loro foreste dell’Himmalaya: abbracciare un albero d’ulivo.
Vorrei lanciare un appello ai pugliesi, per iniziare la battaglia per la verità sugli alberi d’ulivo: ‘Resistete e abbracciate i vostri ulivi‘”.

Una produzione agricola 100% biologica e’ possibile, l’esempio del

L’esperienza di Chipko.

“La mia nascita nel movimento ecologico è iniziata proprio con l’esperienza di Chipko. Quando le donne della montagna sono venute allo scoperto e hanno iniziato ad abbracciare gli alberi: ‘Non ve li lasceremo tagliare, perché ci danno la vita’. Ribellatevi pugliesi! Fate un Chipko, abbracciate gli alberi d’ulivo. Vi seguirò, anche se non fisicamente. Lancio un messaggio d’amore per gli alberi d’ulivo, per i pugliesi, amore per la terra e per il nostro futuro”.

 

Agricoltura, Governo vara il decreto sulle emergenze Xylella e latte

L’appello di Vandana Shiva ai pugliesi, arriva dopo l’approvazione  decreto legge Emergenze agricoltura approvato dal Consiglio dei Ministri lo scorso 7 marzo 2019.
Nell’art. 8 (dedicato alle norme per il contrasto della Xylella fastidiosa e delle altre fitopatie) il dl contempla anche la distruzione delle piante contaminate, “in deroga a ogni disposizione vigente, nei limiti e secondo i criteri di cui all’articolo 6, comma 2-bis, della decisione di esecuzione (UE) 2015/789 della Commissione, del 18 maggio 2015, e di quelli indicati nei provvedimenti di emergenza fitosanitaria”, recita l’articolo e  “al fine di proteggere l’agricoltura, il territorio, le foreste, il paesaggio e i beni culturali dalla diffusione di organismi nocivi per le piante”.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago