Cultura

Xylella in Mostra al Parlamento Europeo. Così muoiono gli ulivi secolari. IMMAGINI

Condividi

Xylella. Mostra “De Finibus Terrae”, a Strasburgo. 24 Fotografie per raccontare il dramma del Salento, dopo la Xylella. Il batterio, arrivato nel 2013, ha decimato decine di migliaia di ulivi secolari. Organizzata da Bruna Rotunno e Fabian Alberti, l’esposizione si terrà presso la Galleria Emilio Colombo del Parlamento Europeo, dal 15 al 18 aprile 2019.

A Strasburgo, La Galleria Emilio Colombo del Parlamento Europeo – in occasione della sessione plenaria che vedrà presenti tutti i 751 deputati europarlamentari – ospiterà dal 15 al 18 aprile 2019 la mostra De Finibus Terrae, progetto fotografico realizzato da Bruna Rotunno e Fabian Albertini. La mostra è patrocinata dall’onorevole Raffaele Fitto, salentino, vice presidente del gruppo ECR al Parlamento Europeo, per dare voce in Europa a un problema che sta devastando il territorio pugliese.

Agricoltura, Governo vara il decreto sulle emergenze Xylella e latte

Xylella, Vandana Shiva e la battaglia per la verità. Se bastasse un abbraccio

Il Salento è una terra antica popolata da milioni di ulivi secolari.
Questi paesaggi ne caratterizzano l’identità, profondamente connessa con il territorio e i suoi abitanti. Con il progetto De Finibus Terrae Bruna Rotunno e Fabian Albertini hanno voluto raccontare il cambiamento radicale avvenuto dal 2013 a oggi in seguito all’arrivo della Xylella, un batterio artefice del progressivo disseccamento dell’albero di ulivo. Come spesso testimoniato in questi anni dai fatti di cronaca, la Xylella in circa sei anni ha causato la morte di decine di migliaia di ulivi secolari e ha trasformato completamente il territorio del Salento, annullando l’identità stessa di questa terra e della gente. In mostra sono esposte 24 fotografie, tutte stampate su Luster e montate su Di-bond.

Puglia, scoperta l’unica barriera corallina nel Mediterraneo

Cavallucci marini, strage in Puglia. Venduti in Cina per fare un liquore

Bruna Rotunno vive in Salento da 10 anni e ha assistito a questo evento apocalittico, vedendo morire progressivamente i suoi stessi ulivi secolari. Gran parte della ricerca artistica che sviluppa nei suoi progetti fotografici è legata al rapporto con la Natura e alla rappresentazione della componente antropomorfica in essa presente.
Fabian Albertini nei suoi progetti artistici indaga la complessità della relazione tra uomo e natura, si concentra sulla riflessione, mettendo in discussione la normale percezione, creando domande sul nostro modo di vedere, comprendere o interpretare.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago