Il comico originario di Vasto, vincitore di LOL 2, ha devoluto il premio proprio alla sezione italiana del Wwf.

Il Wwf Italia ringrazia Maccio Capatonda. Il comico originario di Vasto, vincitore della seconda edizione di ‘LOL – Chi ride è fuori‘, ha infatti scelto di devolvere proprio al Wwf il premio da 100mila euro messo in palio dalla trasmissione di Amazon Prime Video.

Lol 2, il vincitore dona il premio in denaro al WWF

A Maccio va un grandissimo grazie per aver scelto di sostenere i nostri progetti. La sua generosità non è solo un gesto di amicizia nei confronti della nostra organizzazione, ma anche un segnale di grande attenzione alla natura e alle nuove generazioni“, ha commentato Benedetta Flammini, direttore marketing e comunicazione del Wwf Italia.

 

Maccio Capatonda, d’altronde, è stato un grande testimonial per alcune campagne del Wwf Italia sul consumo responsabile e sostenibile di pesce. “Insieme a lui abbiamo parlato la stessa lingua, utilizzando con originalità l’ironia per promuovere stili di vita più responsabili e sostenibili. Con questa scelta di Maccio, possiamo dire che… l’ambiente non è fuori!“, aggiunge Benedetta Flammini.

Maccio Capatonda a Teleambiente: “Sono un ambientalista convinto, lo sia anche la politica”

I fondi donati da Maccio Capatonda (al secolo Marcello Macchia) saranno utilizzati dal Wwf Italia per progetti e campagne a tutela della biodiversità e degli habitat colpiti dall’impatto dell’uomo e dalle grandi emergenze globali, come la crisi climatica e la perdita di natura. La collaborazione tra il comico e il Wwf proseguirà con nuovi episodi che andranno a sostenere lo sforzo di un’associazione che in Italia è presente sin dal 1966 e che ha reso possibile la salvaguardia di oltre 30mila ettari di paesaggio naturale, con la creazione di circa 100 oasi in tutto il Paese.

Articolo precedenteDraghi alla Camera: “Le regole di bilancio devono cambiare, il clima è la priorità”
Articolo successivoAnimali e ambiente, entra in vigore l’integrazione della Costituzione. Il convegno della LAV al Senato