Attualità

Willy, vandalizzato un murales del ragazzo ucciso a Colleferro: ecco dove

Condividi

Vandalizzato un murales dedicato a Willy Duarte Monteiro. L’opera, realizzata dallo street-artist Ipman, raffigurava il 21enne massacrato e ucciso a Colleferro come Superman.

L’oltraggio alla memoria, dopo quello alla stessa vita di Willy Duarte Monteiro. Qualcuno ha vandalizzato infatti un murales dedicato al 21enne di Paliano (Frosinone) ucciso lo scorso settembre a Colleferro (Roma), nel tentativo di difendere un amico durante una lite. Per l’omicidio di Willy sono quattro gli imputati: i fratelli Gabriele e Marco Bianchi, Mario Pincarelli e Francesco Belleggia.

Clima, cosa ci fa una DeLorean a Piazza Montecitorio? La campagna “Giudizio Universale”

A Pescara, in via Firenze, lo street-artist Ipman aveva realizzato un murales in cui Willy appariva mostrando il costume di Superman, con la sua iniziale W al posto della S. Qualcuno, però, ha vandalizzato l’opera, coprendo il volto di Willy con della vernice bianca. A riportare la sconcertante notizia è il portale locale Il Pescara.

L’accaduto ha suscitato parecchia indignazione sul web. Iacopo Melio, attivista per i diritti dei disabili, scrittore e consigliere regionale in Toscana ha commentato così: “Con questo gesto avete calpestato Willy di nuovo, togliendo il respiro a lui e a noi per la seconda volta. E adesso continuate a raccontarci che in Italia il razzismo non c’è”.

(Visited 88 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago