Scienza e Tecnologia

Wifi, nascono le “pareti smart” in grado di amplificare il segnale

Condividi

Wifi. Aumentare fino a dieci volte il segnale wifi in casa e consentire a dispositivi sempre più piccoli di connettersi a Internet da oggi sarà possibile.

Un gruppo di scienziati americani, guidato da Hari Balakrishnan, ha creato presso il Mit Computer Science and Artificial Intelligence Lab, RFocus, uno “sfondo intelligente” che potrà essere installata sulle pareti di casa o in ufficio, e che sara’ in grado di riflettere e migliorare i segnali wireless.

La ricerca è disponibile nella biblioteca ad accesso aperto arxiv.org.

“In questo modo anche dispositivi ora troppo piccoli potranno connettersi al WiFi, ad esempio sensori in grado di rilevare l’inquinamento indoor, piccoli altoparlanti intelligenti o persino dispositivi biomedici all’interno del corpo umano potranno essere controllati tramite il segnale wireless” – afferma Balakrishnan, sottolineando che RFocus non necessita di alimentazione o cablaggio, perché riflette semplicemente il segnale di altri dispositivi, migliorando l’intensità di circa 10 volte.

Li-Fi, internet alla velocità della luce. Cos’è e come funziona.

Il ricercatore ha poi spiegato che “l’obiettivo principale era esplorare la possibilità di utilizzare elementi dell’ambiente domestico o lavorativo e organizzarli per dirigere il segnale in un modo che sia effettivamente controllabile”.

Secondo Balakrishnan, un esempio del possibile utilizzo della nuova tecnologia potrebbe essere in un magazzino per collegare centinaia di sensori per il monitoraggio di macchine e inventario.

5G, raggiunto accordo tra Fastweb e Linkem per reti in città medie e piccole

Quanto alla realizzazione, secondo gli autori, questa parete è molto economica da produrre in scala.

“La sfida più grande era determinare come configurare le antenne per massimizzare la potenza del segnale senza usare eventuali sensori aggiuntivi, poiché i segnali erano piuttosto deboli – aggiunge il coautore, Venkat Arun – è ancora in via di sviluppo, ma la speranza a lungo termine è che possa fornire un modo per aumentare il WiFi e persino i segnali 5G“.

(Visited 7 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago