Italpress

Webuild, approvata semestrale con ricavi superiori a 3 mld

Condividi

ROMA (ITALPRESS) – Nuovi ordini da inizio anno per 9,6 miliardi di euro, che raggiungono 23 miliardi con il mega contratto per la linea ferroviaria ad alta velocità Dallas-Houston. Portafoglio ordini pari a 43,3 miliardi, di cui 34,5 miliardi di construction backlog – focus su infrastrutture sostenibili in particolare mobilità sostenibile e clean water. Ricavi e margini in crescita, a fronte di una persistente incertezza sull’economia globale legata all’andamento epidemiologico: Ricavi Adj 3,1 miliardi (2,2 miliardi) + 42%. Ebitda Adj 198 milioni (111 milioni) +78%. Indebitamento finanziario netto: 540 milioni, in significativo miglioramento rispetto a giugno 2020 (1,1 miliardi a giugno 2020 e 442 milioni a dicembre 2020). Rimborsati nel primo semestre del 2021 oltre 590 milioni di indebitamento finanziario lordo. Solida posizione di liquidità: 1,7 miliardi. Questi i principali indicatori della Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2021 approvata oggi dal Cda di Webuild. L’outlook 2021 vede: Ricavi 6,5-7,2 miliardi; Ebitda margin a circa 8%, supportato dal processo di efficientamento dei costi già in atto;
indebitamento Finanziario Netto 0,5-0,3 miliardi. “In questo primo semestre del 2021, Webuild ha ottenuto dei risultati marcatamente positivi, nonostante il perdurare di un momento globalmente ancora incerto, e questo ci rende molto orgogliosi come squadra”, dichiara l’Amministratore delegato Pietro Salini.
(ITALPRESS).

(Visited 6 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago