Riciclo e RifiutiTerritorio

Plastica, la denuncia dell’artista Walker Wright: “C’è un male attivo nella nostra cultura”

Condividi

Our illness è la nuova opera dell’artista gallese Walker Wright, che attraverso le sue opere denuncia l’incuria dell’uomo nei confronti dell’ambiente. Questo nuovo lavoro si trova al momento sulla spiaggia di Aberystwyth, situata sulla costa ovest del Galles, e rappresenta uno scheletro umano che “vomita” una grande quantità di plastica colorata.

La particolarità della scultura è, come si vede dal video di Making of, il “vomito” ricavato interamente con la plastica e gli altri rifiuti che l’artista stesso ha raccolto dalla spiaggia.

Plastica, un nuovo sistema per fermare la contaminazione delle acque FOTO

“Questo  lavoro è stato creato in origine perché ho capito che essere un artista mi ha dato la possibilità di avere una piattaforma e ho deciso di usarla per dare voce alle cose che mi preoccupano di questa società”, scrive Walker Wright su Facebook, “e l’inquinamento da plastica è una di queste”.

Il cestino dei rifiuti per il mare Seabin vince il Premio Costa Smeralda ‘Innovazione Blu’

Our Illness rappresenta quello che ho da dire sull’argomento. C’è un male attivo nella nostra cultura, l’idea che possiamo gettare rifiuti in ogni dove e ciò avrà conseguenze devastanti. Spero che almeno questa mia opera possa servire come promemoria della fine e dell’unico risultato di questa pazzia”.

Greenpeace e il mostro di plastica davanti alla fabbrica Nestlé VIDEO

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago