AnimaliRoma

Roma, volpe ferita salvata sul Grande Raccordo Anulare

Condividi

Una volpe di circa due anni è rimasta ferita agli arti posteriori a causa di un investimento e poi soccorsa dai poliziotti in servizio di pattuglia sul G.R.A. E’stata chiamata Foxy e portata al pronto soccorso veterinario  in Via Salaria. 

Foxy è il nome che è stato dato alla volpe di circa due anni trovata, nei giorni scorsi, dagli agenti della Polizia Stradale di Settebagni al Km. 17 del Grande Raccordo Anulare.
L’animale, rimasto ferito agli arti posteriori a causa di un investimento, è stato raggiunto e soccorso dai poliziotti in servizio di pattuglia sul G.R.A.

Animali, orso bruno avvistato in un parco della Spagna dopo 150 anni di assenza

Nonostante le ferite, la piccola volpe stava cercando di raggiungere la campagna a ridosso del piano stradale, con grandi difficoltà, quando i poliziotti, dopo avere rallentato il traffico, sono riusciti a raggiungerla e ad avvolgerla delicatamente in una coperta, mettendola in salvo.

Animali, uno zoo trasmette i cartoni per fare compagnia agli scimpanzé

Viste le gravi condizioni in cui versava, gli agenti hanno deciso di trasportarla presso il pronto soccorso veterinario di via Salaria dove è stata subito ricoverata. Nei giorni successivi, superata la fase critica iniziale, la volpe è stata sottoposta ad un importante intervento chirurgico che, a dire dei veterinari, le consentirà di riacquistare le funzioni motorie dopo un necessario percorso di riabilitazione presso un centro specializzato per il recupero della fauna selvatica.

Le donne e gli uomini del Reparto Polizia Stradale di Settebagni, presa a cuore la storia del piccolo Foxy, hanno effettuato una raccolta fondi volontaria per far fronte alle spese veterinarie.

(Visited 30 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago