Si chiama VoloCity e rappresenta una piccola svolta nel futuro della mobilità sostenibile. Questo taxi volante, a zero emissioni, permetterà di collegare la città di Roma con l’aeroporto di Fiumicino. Ecco tutto quello che c’è da sapere.

VoloCity è una piccola svolta nel futuro della mobilità sostenibile: questo taxi volante, a zero emissioni, consentirà di collegare la città di Roma con il suo principale aeroporto, il Leonardo Da Vinci di Fiumicino. Oltre al risparmio in termini di emissioni, c’è anche quello temporale: la distanza tra Roma e Fiumicino potrà essere coperta in 20 minuti, contro i 32 minuti del treno e i 40 in auto (senza calcolare rallentamenti per il traffico).

Mobilità sostenibile, arrivano i taxi aerei elettrici – Tg Ambiente

Sono diverse altre, però, le cose da sapere. A realizzare il taxi volante VoloCity sarà l’azienda tedesca Volocopter e Roma punta a diventare tra le prime capitali mondiali ad utilizzare questo trasporto sostenibile, alternativo e futuristico. VoloCity è stato presentato ai primi di novembre in piazza San Silvestro e si punta al primo decollo ufficiale prima del 2025, anno del prossimo Giubileo. Prima, però, si dovrà completare la regolazione di volo e sviluppare i cosiddetti ‘vertiporti’ a decollo verticale. Enac, Enav e Aeroporti di Roma ci stanno lavorando da qualche mese.

 

Il prototipo realizzato da Volocopter, azienda con circa 500 dipendenti, sarà a propulsione elettrica e può trasportare un solo passeggero, ma si sta cercando di configurare un mezzo completamente autonomo e con una capienza maggiore. VoloCity può raggiungere una velocità massima di 110 km/h e coprire una distanza di 35 chilometri. La batterie agli ioni di litio, installate in nove diverse unità, possono essere sostituite in cinque minuti. Questo permette di incrementare significativamente la durata degli accumulatori e abbassare il prezzo dei voli.

 

Il peso massimo al decollo è di 900 chilogrammi, di cui 700 costituiti dal mezzo a vuoto e 200 per passeggeri e bagagli. Su VoloCity saranno installati 18 rotori tra loro indipendenti, alimentati da altrettanti motori elettrici ‘Brushless Dc electric motor’, che garantiscono zero emissioni.

Articolo precedenteIam Learning Network, martedì 30 novembre a Roma l’iniziativa ‘Inflazione e investimenti: impatto su economia reale e investitori istituzionali’
Articolo successivoNurdles, i rifiuti di plastica che avvelenano gli oceani: così pericolosi e così poco conosciuti