AttualitàEventi

Vivere a Spreco Zero: 21 premiati tra enti pubblici, imprese e cittadini

Condividi

Tra i vincitori del piccolo oscar della sostenibilità, anche il Comune di Milano per un progetto di raccolta e distribuzione di cibo ai cittadini in difficoltà

Ventuno premiati per dodici categorie. Sono i numeri del Premio Vivere a #sprecozero 2021 che ogni anno conferisce riconoscimenti a comuni, imprese, scuole, associazioni e cittadini che promuovono la prevenzione degli sprechi, l’economia circolare, la biodiversità̀, la mobilità sostenibile, i valori della Dieta mediterranea e la divulgazione scientifica e saggistica.

Il premio – giunto alla sua nona edizione – rientra nella campagna di sensibilizzazione Spreco Zero di Last Minute Market e sarà assegnato ad ognuno dei vincitori venerdì prossimo in Piazza Maggiore a Bologna. Un evento in presenza che sarà trasmesso anche sul canale Youtube della campagna Spreco Zero.

Parteciperanno all’evento il fondatore della Campagna Spreco Zero e Last Minute Market Andrea Segrè, il climatologo Luca Mercalli e il curatore scientifico del Premio Luca Falasconi.

Inoltre interverranno Vannia Gava, Sottosegretario al Ministero della Transizione Ecologica, Marina Sereni, Sottosegretario al Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e Daniele Ara, Assessore alla Scuola, Adolescenti, Agricoltura e Reti idriche del Comune di Bologna.

Cop27, appuntamento in Egitto (dove sarà impossibile manifestare e protestare)

Premio Vivere a #sprecozero: ecco tutti i vincitori 

Nella categoria Enti Pubblici, doppia premiazione:

– Premio Speciale per la promozione capillare della cultura #sprecozero nella città e nelle sue periferie è stato assegnato al Comune di Milano per il progetto della Food policy degli hub di quartiere contro lo spreco alimentare che aiutano i cittadini in difficoltà con un sistema virtuoso di raccolta e distribuzione del cibo;
– Premio Pubbliche Amministrazioni 2021 è andato invece al Comune di Avigliana della città metropolitana di Torino, per i progetti di recupero del cibo da mense scolastiche e aziendali, dell’invenduto del mercato e di alimenti da piccoli esercenti e Gdo.

Nella categoria Imprese, il premio è andato a Mutti, per il recupero e il riciclo dell’81% dei rifiuti, poiché i pomodori non idonei alla lavorazione vengono destinati agli allevamenti o al biogas.

Nella categoria Biodiversità, doppia premiazione:

– Premio Speciale al Comando dei Carabinieri per la Tutela della Biodiversità e dei Parchi per l’impegno costante a difesa dell’ambiente, della natura e dell’agroalimentare;
– Premio Biodiversità 2021 a beeTObee per gli innovativi laboratori educativi e didattici sui temi dell’ecologia e della sostenibilità.

Torna #iolabuttolì, la campagna contro l’abbandono dei piccoli rifiuti: tutti i protagonisti

Anche nella categoria “Saggistica, pagine di sostenibilità” sono stati due i vincitori:

– Premio Saggistica 2021 a Stefano Mancuso, scienziato, divulgatore e autore del libro La pianta del mondo (Laterza);
– Menzione Speciale assegnata ad Anna Perin per il suo Il tavolino magico. Avventure di riciclo fuori dall’ordinario (Ed. Sensibili alle foglie)

Nella categoria dedicata alla promozione della cultura della Dieta Mediterranea, il premio è andato ai co-direttori del Museo Virtuale della Dieta Mediterranea e del MedEatResearch – Centro di ricerche sociali sulla dieta mediterranea Elisabetta Moro e Marino Niola.

Per la categoria Mobilità Sostenibile:

– Premio Morini al progetto Kinto Share promosso da Kinto Italia Spa del gruppo Toyota
– Premio della Giuria, alla start up Celerifero per la realizzazione di un prototipo di un velocipede elettromuscolare a tre ruote a emissione zero che può trasformarsi per diversi utilizzi.

Sono addirittura tre i premi per la categoria Cittadini:

– Premio Thinkabout, al Comune di Prato e all’Associazione di Promozione Sociale Bangladesh della città per aver intrapreso un percorso di condivisione delle differenti tradizioni alimentari che caratterizzano le comunità di origine;
– Premio Giuria, all’Associazione ‘Codici – Centro per i diritti del cittadino’ Emilia Romagna, una rete di sportelli territoriali dedicati ai cittadini in materia di salute, sicurezza, legalità̀, giustizia
– Menzione Speciale alla cittadina Sonia Mazzero per i suoi consigli antispreco e le buone pratiche quotidiane per il riciclo e il riuso degli avanzi e scarti alimentari.

Babaco, l’e-commerce salva-frutta: consegna a domicilio prodotti agricoli brutti ma buoni

Nella categoria Innovaction, il premio va a Squiseat, app antispreco in grado di connettere le attività ristorative con i clienti finali, rendendo possibile la vendita dei prodotti invenduti a metà prezzo.

Ex aequo per la categoria Scuole che va alla scuola dell’Infanzia Grazia Deledda di Bologna e all’Istituto Comprensivo Sandro Pertini di Voghera.

Ancora un ex aequo nella categoria Associazioni che va a La lanterna di Diogene cooperativa sociale onlus di Solara di Bomporto e all’associazione NoixVoi OdV.

Nella categoria Economia Circolare

– Premio 2021 a Martina Derito che ha realizzato un progetto sullo scarto organico prodotto quotidianamente nel mercato di Ballarò a Palermo;
– Menzione speciale a Newpal Spa, l’azienda che si occupa dello stampaggio, attraverso macchinari innovativi, di pallet di alta qualità realizzati in plastica riciclata.

Infine, categoria Ortofrutta vince il Premio 2021 Op Secondulfo l’impianto innovativo al servizio della sostenibilità̀ ambientale e dell’eliminazione dello spreco di prodotto e risorse che utilizza Unitec Peach Vision 3 suddividendo la frutta in classi di maturazione, in modo che il cibo venga destinato al corretto utilizzo di fruizione.

Daje De Alberi, messa a dimora di 35 nuovi alberi tra Nomentano e Pietralata

(Visited 39 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago