Italpress

Visco “Cambiamento climatico minaccia crescita e stabilità”

Condividi

ROMA (ITALPRESS) – “Il cambiamento climatico sta avendo un effetto evidente su tutti nostri paesi, minacciando la crescita economica, lo sviluppo e la stabilità finanziaria”. Così il governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco, nel suo intervwnto alla Green Swan 2021 Global Virtual Conference della BIS – Bank for International Settlements. “Contrastare questi rischi e indirizzare lo sviluppo economico verso un percorso sostenibile richiede una forte e coerente determinazione politica e il coinvolgimento di tutte le attività umane. Il primo passo è trasformare i nostri sistemi energetici: dobbiamo implementare tecnologie pulite ed efficienti a velocità e scala senza precedenti”, ha aggiunto. Secondo Visco “se vogliamo limitare i rischi legati al clima per le nostre economie non possiamo rimandare le nostre azioni. Politiche tempestive e chiare possono limitare i rischi e aiutare i paesi ad attrarre le risorse necessarie per finanziare la loro transizione a basse emissioni di carbonio. La maggior parte degli studi suggerisce che l’impatto economico della ‘trasformazione verdè sarà positivo nel lungo periodo”. Ma “la transizione sarà particolarmente dura per le economie in via di sviluppo, poichè devono affrontare una crescente sete di energia, guidata da industrializzazione e aumento dei consumi. Ritengo quindi che molto debba essere fatto per garantire non solo una transizione verso il net-zero, ma anche una transizione giusta”, ha detto il governatore. Ecco perchè “nell’andare verso un mondo più verde e un pianeta più sicuro non dobbiamo ripetere gli errori commessi quando c’è stata la globalizzazione: l’impatto sui lavoratori più fragili e sulle fasce vulnerabili della popolazione dovrebbe essere sempre tenuto in considerazione nella progettazione delle politiche climatiche. Questo non sarà dimenticato dal G20”, ha concluso Visco.
(ITALPRESS).

(Visited 13 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago