Conosciuta anche come «la morte vestita a festa» per la colorazione particolare della sua livrea, è specie più grande della sottofamiglia Viperinea (2 metri di lunghezza per 11 kg).

Il corpo, molto tozzo, può raggiungere una circonferenza di 40 cm. Ha i denti veleniferi più lunghi di qualsiasi altro serpente: possono raggiungere i 4,5 cm.Si nutre di mammiferi e uccelli; attacca soltanto se si sente minacciata.La femmina partorisce anche 50 esemplari

Articolo precedenteLa vipera, velenosa ma non troppo
Articolo successivoLa verdesca, lo squalo migratore