Noto, il sindaco Figura: “Legare il territorio al vino, una vera sinergia”

73
0

Alla 54esima edizione del Vinitaly presente il sindaco del Comune di Noto, Corrado Figura, che ha spiegato a TeleAmbiente l’importanza di una “sinergia tra ambiente e territorio”. 

Alla 54esima edizione del Vinitaly, il Salone Internazionale Dei Vini e dei distillati, abbiamo intervistato il Antonio Moretti Cuseri, proprietario della Tenuta Sette Ponti (Toscana) e Feudo Maccari in Sicilia, precisamente a Noto.

Allo stand era presente anche il sindaco di Noto, Corrado Figura che ha spiegato a TeleAmbiente l’importanza di una “sinergia tra ambiente e territorio“. 

“Legare il territorio e la città al vino, alle aziende che investono nel nostro territorio e che lo producono, è eccezionale e vuol dire rilanciare i profumi del nostro territorio. – afferma il sindaco di NotoNoi vogliamo destagionalizzare e per farlo è necessario legare il territorio alle aziende e, soprattutto, delegare gli eventi alle aziende vinicole. È necessario far conoscere le aziende, legando il brand Noto al brand Feudo Maccari e a tutte le cantine che vivono e producono nel nostro territorio”.

Valorizzazione dell’ambiente e enoturismo

Noto non è soltanto la capitale del barocco europeo, è il quarto territorio più vasto d’Italia, ha una zona balneare fantastica, la riserva naturale di Vendicari, Noto antica, Castelluccio, Santa Lucia Amendola, Testa dell’Acqua. Quindi Noto ha la necessità di legare tutto il suo territorio a queste aziende, che rappresentano l’eccellenza a livello internazionale del settore vinicolo”.

E aggiunge: “Stiamo inoltre rilanciando e, a breve inaugureremo, il primo progetto di una pista ciclabile pedonale in una riserva, dove ci sono dei pantani con specie di animali e vegetazione uniche al mondo“.

Infiorata di Noto dal 13 al 17 maggio 2022

Come ci ricorda il sindaco, torna la 43esima edizione della celebre manifestazione che quest’anno avrà per tema il “ventennale del riconoscimento Unesco”, l’Infiorata di Noto.

L’evento si svolgerà, per la prima volta, nell’arco di cinque giorni invece dei tradizionali tre giorni. In via Corrado Nicolaci, teatro dell’Infiorata, saranno realizzati i 16 bozzetti, due per ciascuna città, con il coinvolgimento delle associazioni netine e degli scout. Il tappeto fiorito, di circa 700 mq, richiederà l’impiego di circa 400 mila fiori.

Articolo precedenteRoma, 22.5 mln di euro per gli impianti sportivi comunali
Articolo successivoPfas in Veneto, Arpav: “Nessuna traccia nell’atmosfera”